Padovan: “Cosa dovrà fare Allegri? Sostituire il portiere con Perin, e pensare alla Champions”

154

C’è chi ha quello che para e quello che regala gol agli avversari. È questo il commento impietoso di Giancarlo Padovan riferito al portiere bianconero Szczesny, che ieri è stato protagonista di una prestazione da incubo nella sfida Napoli-Juventus.

Un match che ha visto il Napoli di Spalletti portare a casa la vittoria per 2-1 e che ha puntato i riflettori sul periodo di crisi che sta accompagnando la Juventus in questo inizio di stagione.

“Quasi tutto come previsto – ha commentato Padovan su CalcioMercato. La sconfitta (2-1), tanto per cominciare, perché non è possibile pensare di fare punti a Napoli senza i sudamericani e senza Chiesa, con le terze linee a sostituirli. E poi non è credibile giocare con un portiere come Szczesny, uno dei peggiori del campionato, responsabile, come ad Udine, del gol di pareggio siglato da Politano”.

Continua: “Se a questo si aggiunge l’incongrua deviazione di Kean nella propria area – ovvero il tentativo di farsi gol da solo – è chiaro perché un mezzo miracolo della Juve B (1-1 fino a cinque minuti dalla fine) si è trasformato in un altro incubo, il terzo da quando è partito questo disgraziato campionato. Il gol della vittoria del Napoli l’ha segnato Koulibaly e i bianconeri adesso si ritrovano nei bassifondi della classifica, a meno otto dai rivali e dalla testa della classifica”.

Padovan aggiunge: Allegri non è Pirlo, i cui danni, assieme a quelli di Paratici, sono evidenti. Ma non me la sento di scrivere che siamo solo alla terza giornata e l’importante sarà essere tra i primi a marzo. Questa Juve ha troppi mediocri in rosa (Szczesny, De Sciglio, Pellegrini, McKennie, Rabiot, Bernardeschi, Ramsey) per affermare che ha tante alternative. Ne ha poche e, purtroppo per lei, i titolari sono consunti e svuotati“.

Cosa dovrà fare Allegri? Intanto sostituire il portiere con Perin, poi pensare alla Champions. Per quanto difficile, è più probabile fare strada in Europa, fosse anche l’Europa League, che in campionato“.