La “maledizione” di Chiellini urlata prima dell’ultimo rigore. E l’Italia trionfa agli europei

188

La parola urlata da Chiellini prima del calcio di rigore di Saka e parato da Donnarumma, sta letteralmente spopolando sul web.

Il capitano azzurro ha urlato «Kiricocho» prima del penalty calciato da Saka e parato dal portiere degli azzurri Donnarumma.

Non una semplice parola quella urlata dal capitano azzurro, ma un termine che nasconde una leggenda nota nel mondo del calcio sudamericano.

Il labiale è chiaro (come testimonia il video di uefa.tv): Chiellini, abbracciato ai suoi compagni sulla linea del centrocampo, urla «Kiricocho» prima del rigore calciato dall’inglese Saka.

Ebbene, Donnarumma para il penalty e l’Italia vince l’Europeo.

Ecco la leggenda di questa parola (che porterebbe sfortuna a chi la si subisce), spiegata dalla Gazzetta dello Sport.

“«Kiricocho» nel mondo del calcio è piuttosto famigerata”, spiega La Gazza. “Leggenda narra che kiricocho era il soprannome di un tifoso dell’Estudiantes, la squadra di La Plata in Argentina”.

Un fan famoso in città per portare iella (quando andava allo stadio) alla propria squadra. Una nomea che convinse l’allora allenatore dell’Estudiantes Carlos Bilardo (un medico ma maniaco delle scaramanzie che nel 1986 vinse da c.t. il Mondiale con l’Argentina) a mandarlo a seguire le squadre rivali del campionato. Cosa successe? L’Estudiantes nel 1982 vinse il titolo”.

Ma c’è di più, rivela ancora La Gazzetta: “Questa “maledizione” in America Latina sarebbe così diffusa tanto da essere utilizzata dalla confederazione di calcio del Sudamerica in una pubblicità tv”.

La Rosea ricorda ancora che “si dice che nel luglio 2019, durante Argentina-Cile di Coppa America, Dybala lo gridò a Vidal poco prima che il centrocampista calciasse un rigore. Vidal andò a segno, ma la sua nazionale perse la partita”.