Fabio Paratici: “Indifferenti al ricorso di Juve-Napoli. Andremo a giocare e porteremo il pallone”

422

In occasione della sfida contro la Fiorentina, il direttore sportivo della Juventus, Fabio Paratici ai microfoni di Sky Sport ha anche commentato la recente decisione del Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni di calendarizzare la partita Juventus-Napoli, non disputata a Torino lo scorso 4 ottobre a causa dell’assenza dei partenopei.

Il commento di Paratici:

“Lo abbiamo saputo venendo allo stadio. Ci dirà la Lega quando giocare e noi andremo a giocare nella data prestabilita. Se ci dicono di giocare a febbraio-marzo, giocheremo a febbraio-marzo, se ci sarà una data disponibile, altrimenti lo faremo a maggio o quando sarà possibile, perché logicamente il calendario è già stato stilato, le partite sono già state confermate, tutto quello che riguarda l’organizzazione di trasferta, gare e via dicendo.
Sono cose che sono già state fatte, quindi vedremo, quando sarà il momento giocheremo.
Noi siamo sempre stati estranei e indifferenti alla vicenda. Quando ci diranno di giocare porteremo il pallone. C’eravamo anche il 4 ottobre in verità”, ha precisato il dirigente bianconero.

In merito alla dichiarazione di De Laurentiis: “Siamo felici. Viviamo in un Paese dove chi rispetta le leggi non può essere condannato”, Paratici ha commentato: “Ha detto un’ovvietà che rimane tale”.

Immancabile la domanda su Dybala a cui Paratici ha risposto:

“Non voglio essere scortese, ma ogni intervista pre-gara c’è questa domanda. Ripeto quello che ho detto 3 giorni fa, 7 giorni fa, 10 giorni fa, 13 giorni fa: siamo sempre in contatto con Paulo Dybala. Il presidente è stato chiarissimo e credo che meglio del presidente non ci sia nessuno che possa fare chiarezza”.

In merito all’attuale posizione in classifica della Juve, Paratici ha commentato:

“Noi siamo abituati a vincere i campionati, sappiamo che dobbiamo vincere 30 partite per vincerlo, punto”.