Tamponi negativi, la Juve comunica la conclusione dell’isolamento fiduciario. La situazione di Cristiano Ronaldo

63

Scaduto l’isolamento fiduciario della squadra bianconera, che era in bolla al J|Hotel della Continassa dal 14 ottobre scorso, a seguito della positività al covid-19 di Weston McKennie.

Tutto il gruppo squadra (eccetto il giovane centrocampista texano che terminerà il suo periodo di isolamento domani) è stato sottoposto a tampone risultati tutti negativi, come comunicato dalla stessa Juve in una nota ufficiale:

A sperare in un esito negativo al tampone anche il campione portoghese Cristiano Ronaldo, attualmente in quarantena presso la sua abitazione torinese.

Dopo le indiscrezioni giunte nelle scorse dalla Spagna, che riportavano di un esito ancora positivo al test di controllo effettuato mercoledì da Ronaldo, ora si attende di conoscere il risultato dell’ultimo test, che consentirà di capire se l’attaccante bianconero potrà scendere in campo già domenica prossima contro il Verona, ma soprattutto mercoledì contro il Barcellona, nella sfida di Champions League.

Per essere presente alla sfida con l’eterno rivale Leo Messi, a Cristiano Ronaldo sarà necessario risultare negativo al tampone il giorno prima del big match, martedì 27, oltre che a sottoporsi ad una serie di esami.

Una corsa contro il tempo, ma a giocare a favore della Juve, il fatto che giochi in casa, come scrive TuttoSport:

“è un vantaggio, perché concede a CR7 un giorno di tempo in più per negativizzarsi: il protocollo Uefa prevede infatti che le squadre che giocano in casa si sottopongano al tampone il giorno prima della partita, mentre per le squadre che giocano in trasferta il tampone deve essere fatto due giorni prima così da avere il risultato prima della partenza“.