lunedì, 22 Aprile 2024

Una fase delicata per il calcio italiano: Gravina rassicura sulla sua posizione

Condividi

spot_imgspot_img

Il calcio italiano e i club di Serie A stanno affrontando un momento estremamente delicato, soprattutto riguardo ai diritti televisivi, una delle principali fonti di entrate per le squadre, ma che continua a stentare a decollare. In mezzo a questa situazione, il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, è tornato a parlare.

Negli ultimi mesi, Gravina è stato spesso oggetto di critiche, in particolare a causa dei risultati deludenti ottenuti sia dalla Nazionale che dalle squadre italiane sul campo di gioco. La vicenda della Juventus ha contribuito ad alimentare il malcontento dei tifosi, che si sono sentiti vittime di una congiuntura sfavorevole. La Juve è stata l’unica squadra a subire sanzioni per le plusvalenze, anche se è chiaro che per creare una plusvalenza fittizia sono necessarie almeno due società che si accordino.

Nonostante le critiche, Gravina ha chiarito di non avere alcuna intenzione di dimettersi, poiché ritiene che sarebbe un disastro per il calcio italiano. Inoltre, ha sottolineato l’importanza che le squadre puntino a realizzare plusvalenze, ma solamente quelle legittime.

Per i tifosi, tuttavia, rimane un interrogativo su come e chi decida quali plusvalenze siano giuste e quali invece siano considerate ingiuste. Fino ad ora, sembra che solo quelle riguardanti la Juventus siano state giudicate ingiuste, mentre tutte le altre, di ogni altra società, sono state ritenute legittime.

In attesa che qualcuno acquisisca i diritti televisivi per la Serie A e che questa importante fonte di ricavi possa finalmente riprendersi, l’unica certezza al momento è che Gravina continuerà a guidare il calcio italiano. Il presidente della FIGC si impegna a navigare questa fase complessa, cercando di superare le difficoltà e cercando soluzioni per rilanciare il calcio nel paese. Resta da vedere come evolveranno gli sviluppi futuri e come si risolveranno le problematiche ancora irrisolte nel mondo del calcio italiano.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie