CorSera, Lukaku non ci sta: “Perché nessuno parla di quanto incasserà l’Inter?”

1143

Romelu Lukaku ha lasciato la città di Milano e i tifosi dell’Inter sul piede di guerra, dopo aver saputo della sua fulminea partenza, nonostante tutte le rassicurazioni ricevute dal belga nelle scorse settimane.

Molte le critiche rivolte a Big Rom da parte dei tifosi nerazzurri, che in questi giorni hanno manifestato il loro malcontento con striscioni, cori contro la dirigenza e perfino cancellando il murale di San Siro a lui dedicato.

Un’occasione colta al volo dall’ormai ex attaccante dell’Inter, che torna al Chelsea con un sostanzioso ingaggio da 12 milioni. Ma ad averci guadagnato non è solo lui, come ha sottolineato il Corriere della Sera, che scrive:

Lukaku a Montecarlo medita sull’addio all’Inter. Da quando ha deciso di andare al Chelsea, a Milano si sono verificati tanti episodi che lo hanno ferito. Sui social lo hanno coperto di insulti, gli hanno dato del traditore e gli hanno detto molto di peggio; hanno cancellato il murale che lo raffigurava in nerazzurro. Lo hanno anche fatto passare per mercenario, l’accusa che più lo ha ferito“.

“Giura di non essere stato spinto a questa scelta dai soldi – si legge sul quotidiano online – ma dalle ambizioni dei due club: da una parte i campioni d’Europa; dall’altra una società in evidente difficoltà, che ha visto partire il suo mentore Conte e ha ceduto Hakimi e sulla cui competitività futura è legittimo avere dubbi. Lukaku ritiene che, di fronte a prospettive così diverse, la scelta sia stata quasi obbligata per un calciatore che vuole vincere, anche se è pronto a ribadire il suo affetto nei confronti dell’Inter. A Milano ha guadagnato 6,5 e 7,5 milioni nelle prime due stagioni, ne avrebbe presi 8,5 nelle tre successive; al Chelsea salirà a 12, più consistenti premi. Tanti soldi in più, certo, ma (a suo dire) non decisivi”.

“Se non fosse emersa la possibilità di trasferirsi in un club così forte, sarebbe rimasto felice in nerazzurro. E poi – si chiede – perché tutti parlano del denaro che avrà lui, e nessuno di quanto ne incasserà l’Inter?”