martedì, 18 Giugno 2024

Marcello Chirico: “A Napoli le provano tutte. Ma il 3-0 con la Juve resta”

Condividi

spot_imgspot_img

Il giornalista Marcello Chirico su ilbianconero.com è tornato sulle polemiche nate a seguito della decisione della Corte d’Appello Federale di rigettare il ricorso presentato dal club di De Laurentiis, in merito alla mancata sfida Juventus-Napoli dello scorso 4 ottobre.

Il commento di Chirico:

“Il mancato rinvio di Juve-Napoli, accompagnato dalle pesantissime accuse di dolo nei confronti del club partenopeo, proprio non va giù. Non riescono a digerirlo in Campania, e non lo accetta nemmeno il fronte compatto dei finti terzisti sempre schierati contro Madama. Manco fosse la Juventus ad opporsi alla possibilità di ricalendarizzare quella partita. Al contrario, la società bianconera non si è neanche costituita come parte in causa all’interno del processo, dimostrandosi pronta ad accettare qualsiasi decisione in merito a quella partita. Un gesto di fair play poco apprezzato però nel Golfo, tant’è vero che c’è chi ha ritirato in ballo il fantomatico “sistema”, gli interessi dei soliti noti, il doppiopesismo etc. Mancava solo Belzebù rappresentato con la faccia di Agnelli, convinti come sono che la punizione inflitta al club di De Laurentiis sia un favore fatto alla Juve.

A Napoli non passa giorno in cui ad una radio locale non venga intervistato qualche avvocato, giurista, procuratore al quale non gli venga domandato se la sentenza emessa contro il Napoli possa essere ribaltata. Glielo chiesero anche a Sandulli prima che visionasse le carte processuali, e lui illuse il popolo azzurro con la frase “la classifica del campionato non può essere scritta dal Covid”. Il presidente della Corte federale passò in un attimo dalla standing ovation alla pernacchia prolungata non appena, giorni dopo, confermò il verdetto di primo grado, motivandolo con le accuse di dolo preordinato. La colpa però è di Sandulli, al quale sarebbe bastato non concedere quell’intervista “possibilista” sul ribaltone, trincerandosi in un più professionale “no comment” visto che a giudicare il Napoli sarebbe stato proprio lui.

In analogo silenzio, a mio parere, tutti coloro che ruolo giuridico, in nome di quella riservatezza di cui sembra ormai essersi persa traccia. Invece le radio li chiamano e loro sono sempre disponibili a rispondere, ad alimentare speranze “partigiane”, ad individuare casistiche e possibilità che quel ricorso possa essere accolto e la partita rigiocata. È come se un imputato chiedesse direttamente al giudice, anziché al proprio avvocato difensore, se verrà condannato oppure no. Assurdo. Eppure sulle radio partenopee in questi giorni si sta assistendo proprio a questo.

Per non parlare di ciò che sta scatenando sui social il plotone dei finti-terzisti, quelli che su 100 tweet pubblicati in almeno 90 prendono di mira sempre e solo la Juventus. Loro sono i punti di riferimento di tutti gli haters antijuventini che si nutrono di fake. Tipo l’ultima: se Norvegia-Romania di Nations League verrà rigiocata, dopo annullamento della partita da parte delle autorità norvegesi per un caso di Covid, allora potrà essere ridisputata pure Juve-Napoli. Ai discendenti di monsieur Lapalisse mi limito a ricordare solo una parolina presente nell’ultima sentenza federale: dolo. Oltre alla differenza esistente tra una Asl territoriale e un Ministero della Salute nazionale. Ogni tanto un minimo d’informazione ben data non guasterebbe”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie