venerdì, 21 Giugno 2024

Superlega, “The Times”: La Uefa chiede alla Corte di Giustizia Europea di cambiare il comunicato

Condividi

spot_imgspot_img

La UEFA ha formulato una richiesta alla Corte di Giustizia Europea per apportare modifiche al proprio comunicato stampa in merito alla decisione sulla Super League europea. Fonti autorevoli suggeriscono che la dichiarazione è stata enfatizzata per renderla più accattivante.

Il comunicato rilasciato la scorsa settimana dalla Corte di Giustizia europea affermava che “le regole della FIFA e della UEFA sull’approvazione preventiva delle competizioni interclub, come la Super League, sono contrarie al diritto dell’UE”, accusando le due organizzazioni di abuso di posizione dominante. Tale dichiarazione ha portato i sostenitori della Super League, tra cui Real Madrid e Barcellona, a rivendicare una vittoria legale.

Nonostante ciò, la UEFA sostiene che la sentenza del tribunale non convalidi la Super League e ha inviato una lettera alla Corte di Giustizia europea chiedendo una modifica del comunicato, definendolo “impreciso” e in contraddizione con la sentenza. Tuttavia, fonti autorevoli suggeriscono che la dichiarazione potrebbe essere stata potenziata per attirare maggiore attenzione.

La lettera della UEFA sottolinea che il comunicato stampa non ha incluso la sentenza della Corte di Giustizia europea, la quale chiarisce che le organizzazioni sportive possono richiedere esenzioni dalle regole europee sulla concorrenza in nome dell’interesse pubblico. La UEFA chiede una modifica per riflettere accuratamente la sentenza, evidenziando l’importanza dei comunicati stampa nella formazione dell’opinione pubblica e nella reputazione dell’organizzazione. La lettera critica anche l’affermazione sull’abuso di posizione dominante, sottolineando che la sentenza non lo conferma.

Juan Carlos González Álvarez, capo delle comunicazioni della Corte di Giustizia europea, ha dichiarato che non risponderà pubblicamente alla lettera della UEFA, sottolineando che il comunicato stampa è “non ufficiale” e “non vincolante”

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie