domenica, 16 Giugno 2024

Report su Calciopoli: Moratti mise tutti sotto investigazione, da Napoli partì l’inchiesta ‘per rivalità calcistica’

Condividi

spot_imgspot_img

Calciopoli diventa incandescente grazie alle verità nascoste e la chiavetta di Luciano Moggi consegnata a Report.

IlBianconero.com, ha proposto una sintesi di quanto mostrato dal programma di Rai3.

Si parte dal 5 maggio 2002, quando dopo la batosta dell’Inter contro la Lazio c’è stata una cena segreta a 4, finora rimasta segreta.

Si parte da quest’incontro rivelato da Paolo Bergamo, ex designatore degli arbitri: “Moratti mi chiama dopo quel giorno. Io vorrei fare una cena insieme a lei. Sono andato a casa sua ai primi di luglio, ci mettiamo a sedere io, lui e le nostre mogli. Nemmeno 5 minuti e mi fa: lei mi deve dire perché gli arbitri ce l’ha con l’Inter. Lui sosteneva che noi mandavamo arbitri ostili all’Inter, per farla perdere”.

E poi ancora su Moratti “Dopo quei contatti, Ricevo l’incarico da Moratti in persona, noi gli forniamo la Polis, la società di investigazione – Il primo conto è di verificare le parole di Nucini a Facchetti, dichiarazioni per le quali Nucini sosteneva di aver avuto un incontro con Moggi che l’avrebbe voluto condizionare per favorire la Juventus.

Moggi smentisce: “Casa mia dista 200 metri, lo incontravo in albergo?”. Ancora: “Do un’informativa e viene fatto un esposto a Greco, che è procuratore aggiunto. Dice: ‘Mandatelo a Ilda Bocassini e vede lei’. La PM interroga Nucini e la denuncia cade nel vuoto. L’attività investigativa non si interrompe: si va nelle vite di Paolo Bergamo e di alcuni arbitri”.

Prosegue Bergamo: “Non erano legali queste indagini, hanno dato origine a richieste di risarcimento danni. Sono certo”.

Da un carabiniere intercettato: “La questione nacque quando il Napoli era in Serie B, il magistrato era sempre in curva. Da lì con le parole di Carraro, che disse del Napoli in B, e se la sono un po’ legata…”. Il crollo, per i tifosi, è responsabilità del presidente Coni Carraro. Delegati dalla Procura di Napoli, i carabinieri intercettano tutti.

Con il nuovo governo, Guido Rossi viene nominato all’interno del Coni: “E’ stato suggerito al Coni da qualcuno della maggioranza di centro-sinistra. La politica in quel momento forse cerca di metterci le mani, poi lascia stare”.

Moggi fuori dal fuoco amico? Bergamo: “C’era un accordo industriale tra Tronchetti Provera e Luca di Montezemolo. Grande Stevens, Gabetti e gli Elkann. Io ho saputo prima che Moggi e Giraudo li stavano facendo fuori, me l’aveva detto l’onorevole Latorre”.

Latorre: “Gli ho segnalato che stava per finire la prima repubblica del calcio”.

Bergamo: “La cordata formata dovevano portare John Elkann a capo del gruppo Fiat, mentre la presenza di Giraudo e Moggi prevedeva che Andrea sarebbe andato a capo. Giraudo ha vissuto come consulente di Umberto. Riuscii dopo tanti tentativi a essere ricevuto dall’avvocato degli Agnelli, Galasso. Mi disse testualmente: Bergamo, io sono tifoso della Juve. In casa Agnelli si è preso in giro dieci milioni di tifosi, facendo apparire cose nelle quali ci sono cose che sappiamo vere. Non se la prenda, non dico altro, è una cosa che nasce nelle nostre teste”.

SULLE SIM – Dal carabiniere: “Moggi viene fermato e mi disse che c’erano queste schede, ma erano in Svizzera. Andammo insieme in Svizzera e questo sotto lì c’erano i numeri, tutti i numeri di telefono”. L’ex carabiniere conferma il sistema Moggi e il sequestro effettuato in maniera illegittimo, senza rogatoria. Così possono confermare Moggi come capo dell’associazione a delinquere

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie