lunedì, 20 Maggio 2024

Manovra Stipendi, diffusa la frase che fa tremare la Juve: “Le plusvalenze in confronto sono niente”

Condividi

spot_imgspot_img

La notizia diffusa dai giornali di nuovi deferimenti in arrivo con nuove richieste di penalizzazioni anche pesanti nei confronti della Juventus, che potrebbero variare dalla Serie B ai -40 punti in classifica, non lascino sereno l’ambiente attorno alla Vecchia Signora.

La cosiddetta “manovra stipendi” e la parallela “manovra agenti” hanno portato il Corriere dello Sport a diffondere una pronunciata nei corridoi dell’ambiente federale: “Le plusvalenze in confronto a queste inchieste sono niente”.

Una frase evidentemente che trova le sue radici nelle intercettazioni uscite dall’inchiesta Prisma e che vede come protagonista l’ex CFO della Juventus, Stefano Bertola.

All’epoca in una conversazione con altri dirigenti e subito dopo l’ispezione della Consob negli uffici della società, si mostrò preoccupato oltre ogni limite passato: il capo dell’area business della Juventus, Stefano Bertola, dopo l’ispezione della Consob dice la frase che sta facendo il giro del web. Potente, in un certo senso evocativa: “Io in 15 anni faccio un solo paragone: Calciopoli, anzi peggio perché calciopoli avevamo tutti quelli che ci davano addosso. Qui ce la siamo creata noi”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie