domenica, 19 Maggio 2024

Carta segreta in mano ai legali della Juve: Ecco il contenuto

Condividi

spot_imgspot_img

Già rivelato il contenuto della comunicazione tra la procura federale e la Covisoc, la famosa “carta segreta” da oggi in mano ai legali di Paratici e Cherubini dopo le decisioni del Tar e il ricorso respinto dal Consiglio di Stato.

Si tratta di uno scambio di informazioni di appena sei pagine in cui la Juventus non viene mai nominata.

Il tema trattato è quello delle plusvalenze dove il procuratore federale scrivendo al presidente della Covisoc riporta i casi di Chievo e Cesena e quello di Perugia e Atalanta, senza mai nominare la Juve.

Nelle conclusioni Chinè aggiunge: “Sulla scorta di tali considerazioni in diritto, dalle quali questa Procura non può prescindere nell’esercizio delle proprie prerogative inquirenti e requirenti, è evidente che l’esercizio dell’azione disciplinare in questa materia, in una logica metodologica di continuità rispetto alle valutazioni già svolte nelle precedenti fattispecie disciplinarmente rilevanti esaminate, potrà essere utilmente perseguito ove emergano elementi sufficienti a corroborare la necessità di indagare su casi che fanno ragionevolmente ritenere la sussistenza di operazioni di scambio di calciatori fra due o più società professionistiche, in termini di sistematicità delle medesime operazioni di mercato, non già un’episodica operazione, finalizzati a sopravvalutare i dati di bilancio delle medesime società mediante, appunto, il sistema delle ccdd. Plusvalenze”.

Secondo Gazzetta quell’ “ove emergano elementi sufficienti a corroborare la necessità di indagare” sembrerebbe mostrare l’assenza di notitia criminis, come invece sostenuto a più riprese dai legali della Juve.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie