lunedì, 20 Maggio 2024

Dopo assist del TAR alla Juventus, Ziliani implode: “La parola d’ordine è: salvare la Juve ad ogni costo”

Condividi

spot_imgspot_img

Raffica di tweet contro la Juventus da parte del giornalista de “Il Fatto Quotidiano” Paolo Ziliani che sul proprio account Twitter ha attaccato nuovamente i bianconeri dopo aver appreso della Decisione del TAR favorevole alla Vecchia Signora sul tema plusvalenze:

Secondo la teoria di Ziliani “le cose stanno così. Tutti sanno delle smaccate malefatte contabili cui la Juventus ricorre da anni, facendolo alla luce del sole, per truccare i suoi bilanci; ma come per le malefatte di Moggi ai tempi di Calciopoli, la FJGC e il Palazzo fanno finta di niente”.

“Purtroppo per loro la CONSOB che ha indagato sui bilanci della Juventus riscontrando plurime e gravi irregolarità ha informato per conoscenza la COVISOC: che non avendo il potere di deferire gira la comunicazione alla FJGC perchè attivi, nel caso, la sua Procura”.

E ancora, scrive Ziliani sui social: “Passano 6 mesi e poiché da Torino giungono notizie inquietanti sul conto della Juventus nell’inchiesta Prisma, la Procura federale istruisce in fretta e furia un procedimento-papocchio per le plusvalenze “obbligando” i giudici ad assolvere anche in appello la Juventus”.

Tutti felici e contenti. Se non fosse che la Procura di Torino, qualche mese dopo, scrive (motivandolo) che i processi sportivi sono stati ridicoli e che gli stessi motivi addotti dai giudici per assolvere la Juventus sono invece la conferma della sua colpevolezza”.

Una figura barbina colossale per la Procura FJGC anche alla luce della montagna di prove emerse sui gravi, svariati e continuati illeciti commessi da Agnelli & C. Impossibile fare finta di niente, Chinè è costretto a chiedere la revoca e la riapertura del processo”.

Mentre i media continuano a far finta di niente, venerdì 20 gennaio la Procura di Chinè chiede per la Juventus 9 punti di penalizzazione. Ma dopo un attento studio delle carte la Corte d’Appello raddoppia, quasi, la pena richiesta togliendo alla Juve 15 punti”.

A rimanerci male, oltre a Chinè che dopo i processi-farsa di aprile-maggio che avevano mandato la Juventus assolta si vede bacchettare dalla Corte per l’inadeguatezza della sanzione richiesta, ci sono tutti: il Palazzo del calcio, la politica e naturalmente i media”.

Non c’è nessuno, nè il ministro dello sport Andrea Abodi, nè il presidente del CONI Malagò, nè il presidente FIGC Gravina, nè il presidente e l’ad della Serie A Casini e De Siervo che abbia il coraggio di dire: “Chi ha sbagliato paghi”. Invece attaccano i giudici”

Assistiamo alla più grande, coordinata e amorale operazione di diseducazione della gente da parte di alte figure istituzionali, ministro dello sport e dei giovani in testa, che chiedono spiegazioni e trasparenza ai giudici non si sa in base a quale diritto”.

“In cento giorni, tanti ne sono passati dal 28 novembre, giorno della caduta dell’intero CdA juventino, non una di questa figure istituzionali chiamata a commentare lo scandalo che umilia il calcio italiano agli occhi del mondo, ha mai pronunciato la parola Juventus”

Infine la conclusione di Paolo Ziliani:
La parola d’ordine è invece: “Salvare la #Juventus ad ogni costo” e non importa se per la gravità dei reati commessi il club dovrebbe essere radiato, se mezza Italia è disgustata e se il calcio italiano diventerà il simbolo della slealtà sportiva agli occhi del mondo”.

Tutto questo sotto gli occhi di un governo che vede tutto e non dice nulla e anzi tollera un ministro tifoso che in missione negli Emirati Arabi porta in dono con orgoglio maglie della Juventus che da sempre, e oggi di più, è nel mondo simbolo del malaffare italiano”.

Ma se i disonesti vinceranno, l’Italia delle persone perbene si ricorderà di voi: e vi lascerà sguazzare nella cloaca che avete creato inconsapevoli delle vostre bassezze e della vostra indegnità. Da mezzo secolo rovinate la passione della gente. Non meritate niente”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie