spot_img
spot_img
giovedì, 2 Febbraio 2023

Inchiesta Juve, tuona John Elkann: Il suo intervento

Condividi

Nel ventennale della morte dello zio Gianni Agnelli, John Elkann tuona attraverso i giornali di sua proprietà, (La Repubblica e La Stampa), e commenta tra le altre cose anche la sentenza della corte d’appello federale che ha inflitto alla Juventus 15 punti di penalizzazione.

“In questi 100 anni di vita insieme abbiamo attraversato un periodo di grandi soddisfazioni e di grandi difficoltà: negli ultimi 20 anni la Juventus ha vinto 11 scudetti sul campo, 6 supercoppe italiane, 5 coppe Italia, più i successi delle Women”, le parole del n.1 di Exor che ha ricordato il peso del club bianconero.

“Il titolo mondiale del 2006 e l’europeo del ’21 sono stati vinti da una Nazionale con forte dorsale juventina. E con la vittoria quest’anno dell’Argentina la Juve è la squadra con più giocatori che hanno conquistato un campionato del mondo”.

Elkann ha poi aggiunto

“La Juventus è la squadra italiana più amata e seguita: rappresenta il nostro calcio nazionale. L’ingiustizia di questa sentenza è evidente: in molti l’hanno rilevato, anche non di fede bianconera, e noi ci difenderemo con fermezza per tutelare l’interesse dei tifosi della Juve e di tutti quelli che amano il calcio”.

Infine: “Spero che insieme alle altre squadre e al governo possiamo cambiare il calcio nel nostro Paese, per costruire un futuro sostenibile e ambizioso. La Juventus non è il problema, ma è e sarà sempre parte della soluzione. Qui è in gioco il futuro della serie A e del calcio italiano, che sta diventando marginale e irrilevante”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie