lunedì, 4 Luglio 2022

Chirico: “Ora zitti tutti! Criticate tanto Allegri e la Juve, ma Ancelotti ha vinto nello stesso modo. Se la scorsa estate Max avesse accettato il Real oggi avrebbe vinto lui”

Condividi

Lungo editoriale di Marcello Chirico sulle colonne di Calciomercato.com che sembra scritto apposta per i detrattori della Juventus e soprattutto di Allegri. Adani, Cassano, Sacchi, Pistocchi, Varriale – solo per citarne alcuni dei più accaniti detrattori di Max – sono stati messi a tacere dall’impresa di Ancelotti con il suo Real.

La differenza tra Ancelotti (Real) ed Allegri (Juve) oggi sta tutta qui, nella rosa. Max quest’anno ha potuto lavorare con meno di una decina di giocatori buoni, Carlo non ne ha uno scarso in rosa. A cominciare dal portiere, che a Saint Denis è stato il migliore in campo per distacco. E questo la dice lunga sulla performance generale dei blancos. Che infatti hanno avuto in Militao e Alaba le fondamenta dell’impenetrabile muro difensivo eretto appunto davanti alla porta di Courtois”, scrive Chirico.

Pensiero esternato dal giornalista di fede bianconera anche su Twitter: “Critichiamo tanto Allegri, ma Ancelotti gioca nella stessa maniera, con la differenza che ha a disposizione giocatori nettamente più forti”.

Se la scorsa estate, anziché la Juventus, Allegri avesse scelto il Real – come lui stesso ci ha raccontato, e Florentino non ha smentito – probabilmente oggi sarebbe lui l’allenatore campione d’Europa, e non Ancelotti. E il “cortomusismo” entrato di diritto nella enciclopedia Treccani. Perché la cucina può anche essere quella della nonna, ma sono sempre gli ingredienti che rendono buona la pasta”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie