venerdì, 20 Maggio 2022

Vaciago: “La Juve avrebbe potuto giocare gli ultimi 25 minuti in undici contro dieci e in vantaggio per 2-1. Si parla solo di mancato giallo a Pjanic e non dei fatti e i fattacci di mercoledì all’Olimpico”

Condividi

L’editoriale del neo direttore di Tuttosport Guido Vaciago non lascia dubbi circa l’andamento della finale di Coppa Italia tra Juve e Inter.

Magari la Juventus mercoledì avrebbe perso comunque, perché ha commesso errori forse più gravi di Valeri, ma avrebbe potuto giocare gli ultimi venticinque minuti in undici contro dieci e in vantaggio per 2-1. Non un dettaglio, anche se verrà presto considerato tale e del rosso a Brozovic ci si scorderà”.

Alla luce di tutto ciò, secondo Vaciago “sarebbe curioso rileggere questo pezzo nel 2026, quattro anni dopo la mancata espulsione di Marcelo Brozovic nella finale di Coppa Italia”.

Il motivo?: Giusto per capire se qualcuno se ne ricorda ancora, se è diventato iconico ed è ancora centrale nel dibattito calcistico. Esattamente come è accaduto per il secondo giallo a Miralem Pjanic durante Inter-Juventus del 28 aprile 2018, diventato per la narrazione calcistica dominante un passaggio cruciale della storia della Serie A, meritevole di inchieste giornalistiche e della giustizia sportiva, di ricerche spasmodiche di audio introvabili, di ricorrenti citazioni”.

Poi l’affondo finale: “Dati i fatti e i fattacci di mercoledì all’Olimpico, a parti invertite, di cosa si dibatterebbe oggi?”

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie