venerdì, 20 Maggio 2022

Bosco: “Nerazzurri dagli anni Sessanta tirano fango sulla Juve. Se, dovesse mai, l’Inter vincere lo scudetto, sarebbe il 20esimo: seconda stella. Peccato che uno di quegli scudetti sia di cartone”

Condividi

Si avvicina la finale di Coppa Italia tra Juve e Inter, e il giornalista di fede bianconera Andrea Bosco surriscalda il popolo bianconero con una constatazione.

Dovevo arrivare alla mia veneranda età per ascoltare un presidente della Juventus, spiegare che lui “vuole bene all’Inter“. Parole e musica di Andrea Agnelli”, scrive lo scrittore prendendo spunto da una frase pronunciata da Agnelli nel corso di un evento.

Ad Agnelli “rammento che se, dovesse mai, l’Inter vincere lo scudetto, sarebbe per la squadra di Inzaghi il 20esimo: seconda stella. Peccato che uno di quegli scudetti sia di “cartone“: una delle più grandi porcate della storia del calcio”.

Rammento anche, ad Andrea Agnelli, che dagli anni Sessanta la società alla quale lui “vuole bene“ tira fango sulla Juventus. Cominciarono a tirarlo a suo papà Umberto. Avrebbero voluto (anche allora) vincere a tavolino. Andrea Agnelli ha saputo realizzare qualche cosa di irripetibile: 9 scudetti di fila. Quasi il doppio di quelli incamerati nei leggendari anni Trenta”.

Tuttavisa, tuona Bosco “nessuno, mai, nella lunga vicenda della Juventus, aveva osato dire di “voler bene“ ad una società il cui (ex) presidente rivendica quel titolo costruito con maleodorante “imballaggio“ come “il più bello“.

Il giornalista conclude con queste parole: “Il futuro, per questioni anagrafiche, non mi appartiene. Ma di una cosa sono certo. Lo spiegò, qualche anno fa, proprio Andrea Agnelli in una intervista a Sky: “Passano i giocatori, gli allenatori, passano i dirigenti e anche i presidenti: resta la Juve“. Appunto”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie