lunedì, 16 Maggio 2022

Moviola, l’ex arbitro Bonfrisco smonta le tesi complottiste: “Szczesny non è da espulsione, De Ligt la tocca col corpo, Hateboer da rosso”

Condividi

La gara tra l’Atalanta e la Juventus è ricca di episodi da moviola contornati da altrettante polemiche messe in campo dai bergamaschi.

Tre gli episodi incriminati: l’uscita di Szczesny su Koopmeiners, il presunto tocco di mano in area di De Ligt e il mancato rosso su Hateboer, mai tirato in ballo dagli atalantini.

In merito alle spinose questioni è intervenuto ai microfono di TuttoJuve l’ex arbitro Bonfrisco che ha così sentenziato:

Sul presunto mani di De Ligt.: “A mio avviso il difensore della Juve la prende con il corpo. Guardando alla tv c’è effettivamente la sensazione che il difensore la prenda con il braccio, che è molto largo. Ma ci sono due cose che certificano il tocco con il corpo: non c’è un giocatore che protesta dal campo e il Var non è intervenuto. E quindi è un presunto tocco con il braccio. E’ andata bene a De Ligt ed è corretta la decisione finale del Var”.

Bonfrisco analizza poi l’intervento di Szczesny su Koopmeiners:
“L’uscita di Szczesny è certamente fallo. E’ un’azione complessa, non è semplice valutare se sia o meno chiara occasione da rete. Ci sono due difensori nella zona dell’intervento ed è parecchio discutibile e quindi borderline”.

Ma poi, “dopo l’intervento del portiere la palla arriva a Muriel che cerca la porta ma non la trova. E quindi ci sta il vantaggio: rimane la chiara occasione da gol e il vantaggio si concretizza andando un po’ a sanare l’intervento di Szczesny. Giusto quindi dare poi il calcio d’angolo. Mariani avrebbe dovuto ammonire Szcescny ma non espellerlo perché quel fallo non raggiunge l’obiettivo”.

Infine il fallo di Hateboer su De Sciglio:

“L’intervento di Hateboer è molto al limite. Dal campo Mariani dà il giallo, siamo in una situazione tra il giallo e il rosso e il Var non interviene. E credo anche che se l’arbitro avesse estratto il rosso dal campo il Var non sarebbe intervenuto comunque. Due gli alibi per Hateboer: l’olandese arriva più o meno sul pallone e nel finire dell’intervento raccoglie leggermente la gamba, il che lo fa apparire un po’ meno violento di quello che arriva dalla revisione in tv. Però è chiaro che se fosse stato estratto un rosso non ci sarebbe stato nulla da dire”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie