lunedì, 6 Dicembre 2021

Chirico difende Chiellini: “Fa bene a parlare di Superlega e a criticare il VAR!”

Condividi

Le ultime dichiarazioni di Giorgio Chiellini, nel corso della recente intervista a DAZN, hanno acceso quello che si può definire un vivace dibattito. Contro il VAR, favorevole alla Superlega e favorevole alla riduzione a 16 massimo 18 delle squadre partecipanti al campionato di serie A, Chiellini si è attirato numerose critiche, da parte di molti tifosi e addetti ai lavori.

A difendere le idee espresse dal capitano bianconero, Marcello Chirico che su ilbianconero scrive: “Faccio davvero fatica a comprendere l’alzata di scudi (semi)collettiva dopo le dichiarazioni di Giorgio Chiellini su Superlega, Serie A e VAR. Normale dissentire, ci mancherebbe, però in questo caso più che un dissenso mi è parso di cogliere un fastidio bello e buono”.

Cosa ha mai detto Giorgione? – aggiunge il giornalista. Semplicemente che a lui, così come a parecchi giocatori della Juventus, piacerebbe disputare la Superlega. Inoltre, che in Serie A ci sono troppe squadre e che il VAR andrebbe rivisto, se non abolito del tutto. Non avrebbe dovuto dirlo? E perché mai”.

“Personalmente condivido tutto quanto” ha commentato Chirico che ha poi aggiunto: “Interi governi hanno preso le distanze dalla Superlega”, mi ricordano. E certo, avendo ciascuno di loro piazzato i propri burocrati all’interno di istituzioni potenti come Uefa e Fifa, è chiaro che adesso difendano con i denti un potere acquisito pure sul football, e che non intendono mollare per nulla al mondo. Apparentemente dicono di voler difendere il “calcio del popolo”, in concreto si arroccano a protezione di una macchina da soldi che desiderano gestire come pare a loro. Il populismo di fondo è solo la scusa per raccattare consensi, la solita furbata della politica a ogni latitudine”.

Tornei, questi ultimi, da rivedere nei loro format, in nome del vecchio adagio del “si gioca troppo e ci si infortuna di più” tirato fuori spesso dagli stessi club, i primi però a non spingere a fondo per una riforma del sistema” ha sottolineato Chirico. “Poi arriva Chiellini a confermare che “ci sono squadre di troppo in Serie A” e si becca dell’arrogante“.

“Non ne parliamo poi quando Giorgio si è scagliato contro Sua Santità il VAR, chiedendone l’abolizione “perché si sta andando verso una situazione insostenibile, lo percepiscono pure i tifosi”. È vero, non se ne può più di esultanze strozzate dalla moviola in campo, magari per millimetrici fuorigioco, anch’essi per Chiellini da togliere del tutto. Non sarebbe meglio? Eh no, perché significherebbe tornare all’età dei pionieri. Meglio continuare a polemizzare ogni lunedì sugli assurdi protocolli applicati nelle partite del weekend, come si faceva quando il VAR non esisteva. Uguale. Però se Chiellini si prende la briga di dirlo, gli si intima di stare muto“.

Giorgio avrebbe tutto il diritto di chiederlo a coloro che glielo vorrebbero imporre e che, forse, contano meno di zero conclude.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie