lunedì, 6 Dicembre 2021

Moviola Roma-Milan. Gli ex arbitri Cesari e Casarin confermano “regalino” ai rossoneri

Condividi

Tiene banco la moviola anche in Roma-Milan. A surriscaldare gli animi ci pensa Mourinho che a fine gara si presenta furibondo ai microfoni di Dazn.

Il motivo? la decisione dell’arbitro Maresca di non concedere il rigore alla Roma al 95′. A fare chiarezza sull’episodio ci pensa Graziano Cesari, che a Pressing, su Italia1, ha analizzato i casi controversi.

«Al 95′, sul risultato di 1-2, c’è l’episodio che la Roma contesta più di tutti. Pallone che arriva in area, rimane a terra Lorenzo Pellegrini per l’intervento di Simon Kjaer. Fabio Maresca non ha visto nulla, tocco con la scarpetta di Pellegrini e intervento di Kjaer sul polpaccio», spiega l’ex fischietto genovese.


«Questo non è un contrasto ma un calcio, come era quello di Denzel Dumfries ad Alex Sandro in Inter-Juventus. Questo è un calcio, non è un contrasto o un contatto: qui sbaglia la tempistica di intervento», certifica Cesari.

Un altro ex arbitro Paolo Casarin attraverso le colonne de Il Corriere della Sera psi sofferma su altri due episodi:

«I fischi di Maresca producono proteste, alcune giustificate. Per un lieve contrasto in area tra Ibanez e Ibra, Maresca indica il rigore; il Var Mazzoleni lo richiama. L’arbitro dal monitor conferma la sua decisione. Ennesimo rigorino. Segue l’espulsione di Hernandez per doppio giallo ma preceduto da un fallo per il Milan. Errore ulteriore».

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie