venerdì, 3 Dicembre 2021

Agnelli: “In dieci anni ha vinto quasi tutto la Juventus. Ronaldo? La Juve è più grande di chiunque abbia avuto l’onore di partecipare al percorso”

Condividi

Il Presidente della Juventus Andrea Agnelli ha aperto l’Assemblea degli Azionisti. Ecco la parte del discorso in cui il numero uno bianconero si concentra sugli aspetti più spiccatamente sportivi.

Agnelli rimarca l’obbiettivo del mantenimento della competitività della Juventus.

“I risultati della prima squadra sono stati incredibili, ma non mi aspetto gratitudine e appagamento. Sono juventino dalla nascita e so che non posso pretendere ciò che neanche io garantisco”.

E poi: “So che come Pavel, che ha seguito tutto il percorso, Arrivabene, Cherubini e soprattutto del nostro allenatore Allegri, la fiducia non può venir meno. Vale per me e per tutti quelli alla Juventus”.

Abbiamo lavorato in 10 anni e se penso a ciò che è successo, altre società italiane che hanno vinto si contano sulle dita di una mano. Al tema della credibilità è fondamentale alimentare la passione quotidiana: non è immutata, ma se possibile è addirittura cresciuta”.

In questo contesto di ricerca della credibilità spiega Agnelli “dobbiamo lavorare come un corpo unico, tutte le donne e uomini devono lavorare come un corpo unico. Sapendo che la squadra vengono prima di tutto e tutti. Siamo tutti utili e nessuno indispensabile. Lo dicevo al Wired e continuo a sostenerlo oggi: tutti utili, nessuno indispensabili”.

Il presidente della Juventus approfondisce anche la questione Ronaldo:

E’ stato un onore e un piacere. E se pensiamo a ciò che è stato sul campo, non possiamo applaudire simbolicamente Cristiano e ringraziando per le gioie. L’unico peccato è stato avere 1 anno e mezzo su 3 senza Cristiano”.

Ha ragione Morata, quando a pochi giorni dall’addio di Ronaldo, ha detto che la maglia della Juve dà responsabilità. Io sono responsabile per la società che lavoro”.

E la Juventus società, Football Club, è più grande di chiunque abbia avuto l’onore di partecipare al percorso. Viene prima di qualsiasi persona. In questo contesto dobbiamo tornare ai nostri valori”.

I valori dettati da questa città. Industriale. Lavoro, abnegazione, sacrificio, disciplina. Vogliamo vederlo in campo e fuori. Se penso alla squadra Juventus, è fatta da 1700 persone quando si arriva a un evento partita. Queste ci devono portare i risultati fuori dal campo e sul campo. Seguendo principi.

Un significato sulla vita arriva da Oriana Fallaci: sono 4, i sensi della vita. Si rispecchiano perfettamente nelle persone della Juventus. Amare la Juventus, dobbiamo Lottare per la Juventus, Soffrire per la Juventus. E soprattutto sappiamo che dobbiamo vincere per la Juventus”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie