Moggi: “La Juve di Allegri c’è nonostante Szczesny”

553

L’ex dirigente della Juventus, Luciano Moggi, sul quotidiano Libero ha commentato l’esito della prima giornata del campionato di Serie A, che ha visto i bianconeri pareggiare a Udine.

“L’Inter sarà la squadra da battere ha commentato Moggi, che ha continuato “A contrastarne il cammino sarà sicuramente la Juve di Allegri che, alla Dacia Arena contro l’Udinese, ha dimostrato tutto il suo valore, nonostante il pari (2-2) rocambolesco, ottenuto alla fine anche con fatica, in una partita in cui Pinsoglio avrebbe fatto sicuramente meglio di Szczesny. In vantaggio infatti di due gol a fine primo tempo, la Juve è stata raggiunta sul pari per colpa di due papere colossali del portiere”.

“Ma è meglio chiarire subito che quella partita, così come era cominciata e senza gli imprevisti, poteva anche finire 4-0 – ha aggiunto Moggi. All’attivo dei bianconeri stanno infatti due pali a portiere battuto e un gol annullato a CR7 sul finire. Fa quindi strano sentire a fine partita un bravo ex allenatore, adesso opinionista di DAZN, affermare che «la Juve poteva gestire meglio la partita». Pronta la risposta di Allegri: «Non eravamo preparati a gestire gli imprevisti», evitando di parlare delle papere del suo portiere”.

“Va detto invece che il mister bianconero ha dovuto inventare il centrocampo con Bentancur, Ramsey e Bernardeschi e ha dovuto gestire Ronaldo, Chiesa e Chiellini preservandoli dopo le fatiche dell’Europeo. È d’altra parte il calcio d’estate, che ha comunque presentato un Dybala in splendide condizioni: nota importante per la Juve quanto allarmante per i suoi avversari. Ne vedremo delle belle tra Inter e Juve mentre le altre faranno da spettatrici per i rimanenti posti di Champions e Conference League ha concluso.