È partita la «colletta» per salvare l’Inter: “Vogliamo rafforzare il club”

934

Il progetto è ora realtà: è partita la raccolta fondi per salvare l’Inter dal fallimento.

Ad annunciarlo è Carlo Cottarelli, presidente di Interspac Srl:

Vogliamo portare avanti un grande progetto di azionariato popolare. Per rafforzare l’Inter”, spiega l’economista. “Il nostro unico scopo è sostenere la squadra che amiamo”.

Siamo grati al presidente Zhang per aver riportato l’Inter ai vertici del calcio. Il primo passo sarà simbolico”.

Entro fine giugno faremo entrare nella società Interspac S.r.l., da me presieduta, un gruppo ristretto di tifosi interisti noti, che acquisteranno una piccola quota: sportivi, musicisti, scrittori, giornalisti, conduttori televisivi”.

Si parla di adesioni importanti come quella di Bonolis, Ligabue, Mentana e Max Spezzali: “Questi ci aiuteranno a far conoscere il progetto”, spiega ancora il noto economista e tifoso interista.

Successivamente sarà la volta dei tifosi, a cui, pare verrà chiesto un contributo minimo di 500 euro. Spiega ancora Cottarelli:

Per loro sarà messo on line sui canali social e web, e rilanciato da media partner, un questionario sull’azionariato popolare tramite cui anche i tifosi interisti potranno far conoscere la propria opinione, in via informale”.