SuperLega, la questione arriva in Lussemburgo. L’accusa?: “Abuso di potere di Uefa e Fifa, vogliono impedire la concorrenza”

3061

SuperLega, è battaglia legale tra tra Juve, Barcellona e Real Madrid da una parte e la Uefa con Ceferin dall’altra.

Dopo le minacce del massimo organismo europeo, presieduto da Aleksander Ceferin, sfociate con l’apertura di un procedimento nei confronti dei tre club che hanno deciso di non abbandonare l’iniziativa, lo scorso 11 maggio, il Tribunale Commerciale di Madrid ha inoltrato presso Corte di Giustizia dell’Unione Europea con sede in Lussemburgo una richiesta di pronuncia pregiudiziale in merito al possibile abuso di potere e di posizione dominante da parte di Uefa e Fifa.

È quanto riferisce Calciomercato.com sul proprio sito web.

Secondo il magistrato spagnolo Uefa e Fifa, si sono attribuite la competenza esclusiva nell’organizzazione di competizioni per club in Europa vietando di conseguenza la fondazione di manifestazioni potenzialmente concorrenziali come la Superlega, rappresentino un freno per l’innovazione, la regolare concorrenza sul mercato e il libero arbitrio dei consumatori.

Essendo Uefa e Fifa delle vere e proprie società, “queste restrizioni sulla Superlega si fondano su una giustificazione oggettiva che permetta di non incorrere nell‘abuso di posizione dominante, come lo intende l’articolo 102 del Trattato di Funzionamento dell’Unione Europea?”, si domanda Manuel Ruiz de Lara, magistrato del Tribunale Commerciale di Madrid, il quale ha fornito la propria interpretazione circa gli articoli 101 e 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, rilevando che Uefa e Fifa avrebbero abusato della propria autorità.