Rampulla ai bianconeri: “Tanti giocatori non hanno il carattere e la personalità della Juve del ’96”

58

L’ex portiere della Juventus Michelangelo Rampulla ha concesso una lunga intervista al Giornale.

Rampulla si sente in dovere di bacchettare i giocatori che compongono la rosa attuale della Juve:

Deluso dalla stagione della Juve? A dire il vero non più di tanto perché dopo tanti anni di grandi vittorie ci poteva stare un anno di transizione avendo scommesso su Pirlo che non aveva nemmeno mai allenato prima”, le prime parole di Rampulla.

Mi aspettavo fosse più vicina all’Inter in campionato, questo sì, pensavo sarebbe stata una lotta tra di loro punto a punto ma invece non è stato così con il Milan che con grandi meriti si è intromesso nella lotta scudetto che ripeto è finita”

L’ex vice portiere bianconero, tuttavia, fa un raffronto con la sua Juve, quella degli anni d’oro:

La differenza principale è sicuramente il carattere. Quei dieci anni alla Juventus sono stati grandi perché c’erano valori, grandi giocatori, gregari umili e funzionali, c’era fame di vittoria, tanto carattere e personalità”.

E ancora: “Penso che alla Juventus attuale manchi proprio il carattere perché in rosa ci sono diversi giocatori che ne hanno ma tanti altri sono sì bravi ma poi finisce lì. Da noi c’erano Vialli, Baggio, Deschamps e Jugovic che avevano già vinto la Champions altrove”.

Oltre alla tecnica e alla classe ci vuole anche cuore, la voglia di non mollare mai, lo spirito Juventus insomma ovvero squadra che pensava più al sodo e alla sostanza che allo spettacolo. Ferguson diceva che faceva vedere le partite della Juventus di Lippi”, ha raccontato Rampulla.