Tony Damascelli (Il Giornale): “Allegri e Agnelli hanno assistito assieme a Torino-Juventus”

757
VINOVO, ITALY - FEBRUARY 12: Massimiliano Allegri and Andrea Agnelli during the Champions League training session at Juventus Center Vinovo on February 12, 2018 in Vinovo, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il pareggio della Juventus nel derby della Mole alimenta nuovamente le voci che vorrebbero Max Allegri nuovamente sulla panchina bianconera.

A confermarlo è il giornalista Tony Damascelli, che nel proprio editoriale per ‘Il Giornale’ lancia un autentico scoop sull’ex allenatore della Juventus, che con la Vecchia Signora ha vinto cinque campionati su cinque e raggiunto per due volte la finalissima di Champions League.

Ebbene secondo la prima firma sportiva de Il Giornale Massimiliano Allegri avrebbero visto il derby in tv nella casa di Agnelli a Forte dei Marmi.

Non so quale possa essere il futuro professionale di Andrea Pirlo ma so che ieri a Forte dei Marmi, Massimiliano Allegri ha seguito in tivvù il derby, ospite di Andrea Agnelli nella dimora versiliana, sita in via Agnelli”, riferisce Damascelli.

L’incontro aveva, forse, contorni nostalgici ma, giunti a questo punto, il presidente della Juventus si sta rendendo conto che, con la mozione degli affetti, non si possa andare avanti; Pirlo è stato un maestro, in campo, ma in panchina non è nemmeno un supplente e la sua didattica a distanza dimostra lacune pericolose”, scrive Damascelli a conferma che il rapporto tra i due è rimasto saldo.

Il pareggio nel derby è la conferma di una confusione generale, di un deficit fisico e di una fragilità psicologica e caratteriale di cui si erano avuti i prodromi nell’anno di Sarri. Allegri potrebbe essere un commissario straordinario all’emergenza ma Andrea Agnelli difficilmente tradirà l’amicizia con Pirlo, nonostante le lacune evidenti di gestione, anche del gruppo e mi riferisco ai bulli bianconeri, più o meno identificati mercoledì sera, ai quali verrebbero posticipati i salari di quattro mesi”.

Ora “la partita contro il Napoli diventa l’ultima stazione per evitare di scendere e di presentare il fallimento tecnico e contabile”.