Andrea Bosco: “Ecco perché le classifiche potrebbero cambiare. In Serie A comandano Covid, Asl e Collegio di Garanzia del Coni”

103

Il giornalista e scrittore Andrea Bosco, ha commentato i fatti salienti della settimana calcistica.

Bosco prende atto che “nel campionato più improbabile della storia, niente è certo. Le classifiche potrebbero cambiare”.

Il giornalista di fede bianconera ricorda che “ancora non si sa se la Lazio , ad esempio, abbia violato qualche norma in materia di tamponi. Quindi non si sa se Lazio – Juventus sia stata regolare: se il risultato verrà cambiato. Nel caso: la Lazio accetterebbe? Ne dubito. Da mesi si attende un responso dalla giustizia federale”.

In questo clima, con classifiche che potrebbero cambiare, secondo Andrea Bosco ci sono però alcune certezze.

La prima certezza: “la stagione del Milan è da tela di Magritte. E non tanto per i 16 rigori a favore. Se ci sono vanno fischiati. La cosa surreale è che nella speciale classifica la seconda sia il Sassuolo: con la metà . La cosa “dadaista“ è che nella suddetta classifica Inter e Juventus siano a 5 rigori a favore fischiati. Quindi è l’uniformità di giudizio che latita. Nonostante ogni decisione del Var assomigli sempre più ad un Congresso di Vienna”.

La seconda certezza: visto che comandano Covid, Asl (e Collegio di Garanzia del Coni) la parola play -off sta tornando di moda. Io sono, per principio, contrario. Ma mi divertirebbe vedere i complottisti della mia categoria ingoiare il rospo. Ora che l’Inter viaggia staccata in classifica, play off introdotti per favorire la Juve? La verità è che se la pandemia continuerà a distruggere il calendario, i play off diventerebbero inevitabili. Ma una volta introdotti, non verrebbero più rimossi: scommettiamo?”, conclude provocatoriamente il giornalista.