Corriere della Sera: “Caro Presidente, le riassumo quello che percepisce un tifoso di Paratici. Lo cacci e richiami Allegri”

220

Il Corriere della Sera propone una lettera aperta a firma del giornalista Pierluigi Panza che si rivolge al presidente Agnelli con queste parole:

Ecco il passaggio cruciale in cui il giornalista spiega le motivazioni per le quali Agnelli dovrebbe sovvertire tutto:

Caro presidente, Lei ci ha dato dieci anni di gioie. Ma chi lavora sbaglia e Lei ha commesso una leggerezza avallando, tre anni fa, una rivoluzione con protagonisti molto pieni di sé che ha portato all’allontanamento di Marotta, all’acquisto (troppo oneroso e condizionante) di Cristiano Ronaldo, alla consegna della società a Paratici, alla cacciata di Allegri”, le prime parole del giornalista.

Poi la preghiera: “Cambi adesso: via Paratici e Nedved; sposti Pirlo a una vicepresidenza non esecutiva (poi vedrà lui cosa fare da grande) e richiami Allegri.

Il giornalista riassume “quello che percepisce un tifoso di Paratici: prende Ronaldo e non vende, al contempo Dybala (anzi, Paratici non è capace di vendere nessuno) quando è a tutti evidente che i due non possono giocare bene insieme; stratagemma per prendere Icardi dall’Inter (“per fare un po’ di casino” dichiarò alla Gazzetta è finita  malissimo per tutti; si “strizza” quando l’Inter propone lo scambio Icardi-Dybala; l’anno seguente insegue Dzeko dalla Roma (che attende Milik) e non riesce a prenderlo; propone Dybala al Manchester per Lukaku che, però, finisce all’Inter di Conte;

E ancora: “prende a parametro zero Emre Can, Rabiot e Ramsey con stipendi tutti a partire dai 5 milioni in su (e sono tre modesti); paga 70 milioni e 12 di stipendio per un difensore centrale olandese bravo, ma non a questi costi. Infine, i suoi due massimi capolavori: nel gennaio scorso costavano 40 milioni Haaland e Kulusevski e a noi serviva un centravanti, chi prende Paratici?

“Kulusevski naturalmente (adesso gioca alla Boniek, ma non si sa cosa sia) per sottrarlo all’Inter (che prende così Hakimi che è meglio), e poiché Kulusevski è solo il quarto esterno di destra della squadra a giugno acquista anche il quinto, Chiesa per 60 milioni, dopo aver ceduto Moise Kean a 30 (per mandar via Higuain lo abbiamo pagato e quando Dzeko è diventato a zero non l’abbiamo più preso: ieri non sarebbe servito?). Tutti sanno qual è l’ultimo capolavoro di Paratici: si libera Suarez dal Barcellona, poiché la Juve ha già preso McKennie (chi?) e non vuole vendere Bentancur (‘nammo bene), si arriva all’esame per fare diventare italiano Suarez: Suarez ha superato l’esame universitario (“portare coccumella”), Paratici no, bocciato.

Infine Panza conclude con queste parole: “Lei, presidente, ci ha messo una pezza: si è fatto dare Morata dall’Atletico (che ha preso Suarez dopo l’esame della Crusca) e ha preso un altro amico: Pirlo. Il quale ci ha aggiunto del suo poiché, con una certa arroganza, anziché far giocare con umiltà la squadra corta e in contropiede (abbiamo solo attaccanti di corsa: fai un normale 4-4-2 o 4-3-3) si è inventato un arzigogolo di pseudo difesa a tre che diventa a quattro con il centrocampista che scende a prendere la palla in mezzo ai difensori (si è visto ieri!), costruzione dal basso, possesso… tutto un conformismo alla Adani, un inutile bla bla bla. Basta, pietà per i tifosi! Basta anche con questa sudditanza a Ronaldo: se non gli sta bene la Juve (e la panchina quando gioca male) se ne vada (‘ndo va? A Dubai). Basta con ‘sta storia del bel “giuoco”, conclude l’articolo del Cds.