Ivan Zazzaroni: “Juve, è tutto ancora rimediabile, distanza recuperabile in campionato”

104

Ai microfoni di Radio Bianconera il direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni ha commentato la situazione vissuta dalla Juventus, alla luce della mediocre prestazione messa in campo nell’andata degli ottavi di Champions, che l’hanno vista soccombere contro il Porto.

Questa storia dell’approccio mi ha un po’ sfinito. Quel tipo di errori puoi farli al 1° come al 90°, non è un problema di deconcentrazione. Se spieghiamo il problema della Juventus con l’approccio, non abbiamo capito le difficoltà di questa squadra. È una squadra che gioca male, ha avuto un paio di passaggi poco educativi che hanno tolto sicurezze e autostima al gruppo.

Dopo 9 anni di vittorie ci sta un momento di flessione – ha continuato Zazzaroni -. Mancano diversi giocatori, Morata secondo me è una buona alternativa e non un titolare, non a caso era la terza o quarta scelta. È un giocatore che alla fine dell’anno non ti ha soddisfatto completamente. Comunque tutto è ancora rimediabile, è questo il dato più rilevante.

Non è questione di potersi permettere o meno una transizione, se arriva bisogna sciropparsela. Adesso è ancora presto per dirlo, è tutto ancora rimediabile e sei ancora a una distanza recuperabile in campionato. Adesso sei al livello più basso per quanto riguarda il rendimento, dietro ci sono degli sbandamenti che non appartengono alla Juventus e CR7 forse sta vivendo il suo momento peggiore in bianconero”.

Zazzaroni ha poi aggiunto: “Allegri aveva manifestato più volte il desiderio di cambiare qualcosa come aveva fatto Conte, secondo me erano più suoi i dubbi che della Juventus. Oggi non vedo giocare bene nessuno. L’Inter gioca male, il Milan gioca benino ogni tanto, non vedo tutta questa qualità in Serie A”.

“Su Barella posso garantire al 100% che a Paratici non piaceva affatto, non aveva il colpo di testa e aveva dei limiti tecnici. Sicuramente ha un carattere da Juve, ha concluso Zazzaroni.