Andrea Bosco: “Alla Juve manca la convinzione di essere la Juventus: questo manca. Non tutti ce l’hanno. La maglia pesa, l’ambiente pesa, i tifosi sono esigenti”

591

Juve, non è soddisfatto il giornalista e scrittore di fede bianconera Andrea Bosco, dopo la gara vinta dalla Vecchia Signora contro l’Udinese:

Al netto dell’alieno Cr7 che gioca un campionato ed uno sport a parte, al netto delle ottime prestazioni di Ramsey (con il gallese è un’altra cosa) e di Chiesa, Madama ha offerto errori in difesa e a centrocampo da matita rossa e blu”.

Secondo il giornalista qui non è questione di modulo: anche se la ricerca del gioco veloce fa inevitabilmente alzare il numero degli errori e delle palle perse. Qui è questione di uomini”.

La Juventus in difesa beccheggia . Lo faceva con Sarri, continua a farlo con Pirlo. Non è solo una questione di concentrazione, di esperienza, di giovani che devono ancora mangiare michette. E’ una questione di qualità individuale. E’ una questione di usura. E’ una questione fisica”, tuona Bosco.

Secondo il giornalista alla Juve manca “la convinzione di essere la Juventus: questo manca. Non tutti ce l’hanno. La maglia pesa, l’ambiente pesa, i tifosi sono esigenti”.

E ancora il giornalista è del parere che “questa squadra non è “leggera“ di testa. E si vede. Ma io reputo che le motivazioni possano fare la differenza. Come è accaduto a Barcellona. Come potrebbe essere mercoledì a Milano contro il Milan”.

Bosco si attende molto da Dybala, se Morata non riuscirà a recuperare dall’infortunio. “E’ lo stadio giusto, la partita giusta, per dare un calcio alla sfortuna e a tutte le polemiche”.