sabato, 22 Giugno 2024

Moggi tuona contro i giornali: “In questi giorni ho letto cose incredibili sulla Juve. Follia! Sono altri che hanno fatto passaporti falsi”

Condividi

spot_imgspot_img

L’ex dg della Juventus, Luciano Moggi ha detto la sua ai microfoni di TuttoMercatoWeb dopo la tre giorni europea che ha visto impegnate le squadre nostrane.

In questi giorni ho letto cose incredibili sulla Juventus, qualcuno ha anche detto che è la vergogna del calcio italiano. Follia”, ha detto Moggi con riferimento al caso Suarez.

Martedì la squadra ha dato dimostrazione del suo valore in campo europeo”, ha sentenziato Luciano Moggi.

Certo, “non è la partita che dimostra la qualità della Juventus. Ciò che conta è che a lungo andare sarà soltanto la Juve a rappresentare il calcio italiano in Europa”, ha precisato Moggi.

E su Pirlo: “Ha in mano una macchina nuova, che non è perfetta. E non è la partita contro il Barcellona che lo qualifica. La Juve ha dimostrato di sapersi sacrificare e di avere voglia e qualità per vincere. Al Barca è rimasto solo il blasone della grande squadra, ma la Juventus ha fatto vedere che non ha paura”.

L’ex dg bianconero chiude parlando di corsa scudetto:
Il Milan sta facendo un campionato oltre le aspettative. Però mi sembra che non abbia i valori delle altre”.

Ma, alla fine si contenderanno lo Scudetto Juve e Inter, ma attenzione al Napoli. Il Milan ha autostima, i giocatori credono nelle loro qualità. E poi vince sia senza che con senza Ibra. Lo svedese dà l’impressione di essere ancora un grande campione ma se siamo costretti a ricorrere ad un calciatore di trentanove anni vuol dire che il calcio italiano non naviga nelle posizioni migliori”.

Invece, purtroppo, chi emerge è soggetto alle critiche, guardate la Juve per i fatti di Perugia: hanno dimenticato che il giocatore non gioca in bianconero ma all’Atletico Madrid. Mentre ci sono altri che hanno fatto passaporti falsi per fare giocare un calciatore e oggi fanno parte del calcio italiano”, spiega Moggi riferendosi ovviamente all’Inter e alla vicenda Recoba .

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie