Gassmann critica la vicenda Suarez. I tifosi: “L’Inter faceva passaporti falsi e faceva molto prima”

119

È notizia di queste ore che la trattativa tra la Juventus e il centravanti del Barcellona, Luis Suarez, sembrerebbe destinata a naufragare, a causa del passaporto che per problemi burocratici non arriverebbe in tempo utile per la presentazione della lista UEFA.

Problema sorto dopo l’avvio della trattativa, quando è emerso che l’attaccante blaugrana non era in possesso del passaporto italiano, pur avendone pieno diritto, avendo sua moglie la cittadinanza italiana.

A intervenire sull’argomento che continua a far discutere, anche il noto attore Alessandro Gassmann che sul suo profilo Twitter ha scritto:

“Quando leggo, in un paese dove chi nasce da genitori stranieri, che pagano le tasse, non può avere la cittadinanza, che “purtroppo”, un calciatore sudamericano non riuscirà ad avere il passaporto italiano prima di ottobre, un leggero senso di schifo mi sopraggiunge”.

Un commento che ha scatenato la reazione dei tifosi, tra i quali numerosi bianconeri, che hanno risposto a Gassmann:

Suarez è coniuge di cittadina italiana e padre di 3 cittadini italiani minorenni. Per tali motivi, secondo la legge italiana, è previsto un percorso semplificato per ottenere la cittadinanza italiana”

“Non è vero che chi nasce da genitori stranieri non può ottenere la cittadinanza. Deve aspettare il compimento dei 18!
L’attuale legge da invece la nazionalità immediatamente a tutti i nati da cittadini italiani nel mondo senza vincolo di residenza in Italia o sposati!”

Suarez ha sposato una donna con passaporto italiano. Si informi prima di sentenziare”

“Purtroppo anche l’ignoranza (cioè di non conoscenza giuridica della materia cittadinanza) fa sopraggiungere un leggero senso di schifo. Informarsi prima di scrivere eviterebbe inutili commenti in alcuni casi dettati anche da un odio verso la Juve

“Hai ragione, l‘Inter li faceva falsi e faceva molto prima!”

“Ricordo ancora la porcata di Oriali con Recoba! Solo per Suarez alla Juve ci sono problemi burocratici“.