Ronaldo: “Mi auguro che tra qualche mese possano tornare i tifosi allo stadio. Mi piace essere fischiato”

23

Cristiano Ronaldo aggiunge un altro record alla già lunga lista di quelli conquistati nel corso della sua sfavillante carriera.

Con la doppietta messa a segno con la Svezia, CR7 raggiunge, e supera, i 100 gol con la maglia del Portogallo, unico calciatore europeo a raggiungere e superare i 100 gol con la propria Nazionale.

Nel post partita, molta la soddisfazione da parte di Ronaldo, come riportato dal quotidiano portoghese A Bola:

“Sono molto contento, in primis perché la squadra ha vinto, poi, ovviamente, per i 100 (101), con due grandi gol. Sono molto felice.

Il futuro appartiene solo a Dio, mi sento bene, felice di giocare con tanti giovani, per il mister non ci sono parole. Sono qui per godermi questo momento.

Quando ho avuto il problema a un dito, sapevo di poter recuperare per questa seconda partita. Mi piace stare in Nazionale, con questo gruppo, con questo staff, sapevo che la nostra squadra avrebbe fatto una bella partita, indipendentemente dal fatto che io fossi o meno presente.

È andata bene, ora sono riuscito a centrare questo 100° gol. Il record non è un’ossessione, credo che i record vengano naturalmente”.

Cristiano Ronaldo ha poi commentato la mancanza dei tifosi negli stadi:

“Lo trovo molto triste. Quando vado a giocare fuori casa, ad esempio, mi piace essere fischiato. ‘Eddai, provocami, su!’.
Ma la salute viene prima di tutto e dobbiamo rispettare le regole anche se è triste.

È come andare al circo senza i pagliacci o come un giardino senza fiori, noi giocatori lo sentiamo ma ormai ci ho fatto l’abitudine. Sapendo che lo stadio sarà vuoto, faccio meditazione prima della partita.

Mi auguro che tra qualche mese possano tornare i tifosi allo stadio, sono loro il vero spettacolo in campo!”.