La scoperta. Juve multata da Fifa per una clausola sulla cessione Benatia: “Mai a Inter, Milan, Napoli e Lazio”

49

Torna a far discutere la cessione di Mehdi Benatia all’Al Duhail da parte della Juventus, stavolta non tanto per il blitz compiuto un anno fa nel corso del mercato invernale, ma quanto – come svelato da calciomercato.com che ha pubblicato un documento ufficiale della FIFA datato 20 settembre 2019 – perchè il club bianconero è stato multato dal massimo organo del calcio mondiale per aver violato alcune norme in materia di trasferimenti.

Alla Juve è stata infatti inflitta una multa dalla Fifa di 40 mila franchi svizzeri.

Tutto ruota attorno alla clausola sottoscritta dai due club al momento del perfezionamento del contratto di Benatia all’ Al-Duhail:

«L’Al-Duhail con la presente dichiara e garantisce alla Juventus che: fino al 30 giugno 2021 il calciatore non dovrà essere tesserato da uno dei Top Club italiani che militano in Serie A (cioè SSC Napoli, AC Milan, FC Internazionale, AS Roma e SS Lazio) e col club francese PSG».

E ancora, si legge nel documento: «In caso d’infrazione di quanto dichiarato e garantito (sopra), l’Al-Duhail dovrà pagare alla Juventus un ammontare netto di 5.000.000 di euro immediatamente dopo il tesseramento del giocatore da parte di uno dei club menzionati al punto d)».

Ebbene, secondo la FIFA, una clausola di questo tipo viola l’articolo 18bis par. 1 del “Regolamento sullo Status e sui Trasferimenti dei Calciatori (RSTP)” e l’articolo 4 par. 3 dell’allegato 3 dello stesso.

Il primo articolo (18bis par.1) stabilisce che «nessun club può stipulare un contratto che dia possibilità al club controparte e viceversa, o a qualsiasi terza parte, di essere in grado di influenzare l’indipendenza in materia di tesseramento e trasferimento, le sue politiche o la performance della squadra».

Il secondo articolo (4 par. 3, allegato 3) stabilisce invece la lista dei documenti che le società devono presentare nel momento in cui depositano un contratto di trasferimento internazionale, tra i quali una dichiarazione sui «pagamenti e l’influenza delle terze parti».

Entrambi i club hanno mancato di dichiarare che vi fosse nell’accordo una condizione di “influence”. Dunque, infrazione doppia, che ha come conseguenza anche una sanzione all’Al’Duhail (20 mila franchi svizzeri).