Feltri attacca Agnelli: “Sarri licenziato come una cameriera a ore”

577

La Juventus volta pagina e si prepara ad affrontare un anno intenso di cambiamenti e il primo, e più significativo, è stato il cambio in panchina che ha portato Andrea Pirlo a prendere il posto di Maurizio Sarri.

Dopo l’eliminazione dalla Champions League, infatti, la Juventus ha ringraziato ed esonerato Maurizio Sarri, un allenatore spesso contestato, che non è mai riuscito davvero ad entrare nel cuore dei tifosi.

A commentare l’allontanamento di Maurizio Sarri, Vittorio Feltri nel suo editoriale su Libero titolato Sarri licenziato come una cameriera a ore, in cui non ha risparmiato bordate dirette alla dirigenza bianconera:

“Per chi non segue con passione il calcio questa è una notizia del cavolo: la Juventus ha licenziato l’allenatore che ha portato la squadra a vincere lo scudetto, ma non è riuscito a trascinarla verso la finale di Champions.

Capirai che delitto. La competizione europea per i bianconeri è da sempre un calvario. Quindi il crimine attribuito a Maurizio Sarri, ottimo trainer, non è da ergastolo.

Costui non meritava un siluramento visto che comunque ha conquistato lo scudetto. Niente da fare. I signorotti torinesi essendo sia inflessibili sia presuntuosi hanno preso l’allenatore a pedate nel sedere e lo hanno cacciato malamente […].

Agnelli non ha sentito ragioni e anziché bocciare se stesso ha messo alla porta il tecnico in modo brutale. Una mossa da padrone delle ferriere che fa venire voglia di rispolverare il comunismo anche se mi sta sui palloni.

Ma la cosa non mi stupisce più di tanto. Infatti qualche tempo fa la tigre vestita da Agnellino ebbe a dire in sede europea: ma che ci fa l’Atalanta in Champions, certe squadrette non meritano il grande palcoscenico del calcio, stiano in Patria e non disturbino noi principi.

Segnalo a questo gentiluomo dei miei stivali che l’Atalanta è ancora in gara per ottenere il trono mentre la sua, pur essendo fortissima, è alla canna del gas.

Nello sport va avanti chi ottiene buoni risultati e non chi pensa basti la Panda per andare avanti. Reclamiamo un po’ di rispetto per Sarri e per i pedatori eccelsi di Bergamo”.