Kulusevski: “Non vedo l’ora di duettare con Dybala. Spero soprattutto che la Juve vinca la Champions”

6040

Dejan Kulusevski, il talento già preso dai bianconeri,ha concesso una lunga intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

“In estate, quando il d.s. Faggiano e mister D’Aversa mi hanno offerto quest’opportunità, hanno dimostrato grande fiducia e questa per me è stata una stagione straordinaria. Perciò ci tengo a chiuderla in bellezza”.

Il giovane giocatore ha le idee chiare: “Voglio fare la mia parte per questo finale. Non penso ai miei gol, l’importante è vincerle tutte. E voglio sfruttare ogni giorno per imparare. D’Aversa è un martello, mi piace perché non mi dà respiro. Farà una grande carriera”.

E io devo sbagliare sempre meno. Cosa? Correre meno e pensare di più in campo. Fuori, mangiare meglio. Alla mia età dolci e bevande gassate piacciono, ma ho capito che non mi fanno bene”.

E’ Bruno Alves. A 40 anni è il più in forma di tutti, gli ho chiesto aiuto. Ora lo ringrazio. E’ amico di CR7? Lo so: sono due mostri di longevità, due highlander. Un sogno imitarli”.

Poi su Cristiano Ronaldo “Che emozione quel giorno allo Stadium, un’atmosfera unica! E CR7 mi ha detto: “Benvenuto Dejan, come stai?”. Anche Buffon e Chiellini sono stati carini con me. Una gioia immensa per un ragazzo che li aveva visti solo in tv. Abbiamo fatto una bella figura, ma io mi ero infortunato nel riscaldamento: avevo tanta adrenalina e non mi ero accorto di essermi stirato. Qualcuno pensa che mi ero già montato la testa? Lo so, purtroppo. La realtà è che non stavo bene fisicamente. Adesso ringrazio il fisioterapista che mi ha aiutato a risolvere i problemi di postura e di respirazione. In queste settimane abbiamo fatto due sedute al giorno. Ora vado a mille”.

“Mi attrae l’idea di misurarmi con i migliori. A maggior ragione vado lì per imparare. Non vedo l’ora di duettare con Dybala e il suo sinistro magico: in ogni caso ora so giocare in più ruoli e conto di ritagliarmi uno spazio anche a Torino. Spero che arrivi in fondo dappertutto e soprattutto che vinca la Champions​”.

“Sarri è stato simpatico, mi ha messo a mio agio. Conoscevo il suo Chelsea e il suo tipo di gioco. Anche per questo ho scelto il bianconero”.