lunedì, 4 Marzo 2024

Allegri: “Centrocampista? Giuntoli e Manna si stanno guardando intorno per capire se c’è possibilità dell’arrivo di un giocatore”

Condividi

Massimiliano Allegri ha parlato ai microfoni di Mediaset dopo la vittoria della Juventus contro il Frosinone:

“Ringrazio i ragazzi, una bella gara. Ringrazio i tifosi con cui ho un bel rapporto e il direttore che è troppo fiducioso nel dire che farò 600 o 700 partite. Pensiamo al presente. La Coppa Italia ci porta ad una bella semifinale a Roma contro la Lazio”.

Elogi per McKennie: “Un giocatore che aveva lasciato la Juventus facendo non una bella stagione al Leeds, aveva voglia di fare bene, qui sta facendo molto bene e ora deve continuare. A Grandi livelli la partita di stasera fa gioire ma va messa da parte. Da sabato riparte un’altra sfida che il Sassuolo tra l0altro all’andata ci ha fatto quattro gol”.

“Buono essere tornati a non prendere gol. Quando c’è da lavorare duro si lavora duro e quando si deve si rallenta, qui la squadra è cresciuta. Dobbiamo stare sereni, tranquilli, gioire delle vittorie. Fino a che non le giochi è sempre complicato, dobbiamo migliorare tante cose, eravamo nervosi, un paio di uscite sbagliate che potevano essere pericolose”.

E sul mercato: “Centrocampista? Giuntoli e Manna si stanno guardando intorno per capire se c’è possibilità dell’arrivo di un giocatore. Sono contento di questo gruppo e dobbiamo continuare così. La società sa benissimo cosa fare e cosa no, toccare le cose che vanno bene può creare problemi”.

“Mi piacciono i giocatori che sanno giocare a calcio. Yildiz è bravo, Nonge anche. Questo è un bene per la Juventus. In questo momento di difficoltà del calcio italiano una squadra come la Juve che ha tanti giovani bravi”.

“Ho passione e amore per quello che faccio. Mi diverto un sacco altrimenti smetterei. Ho avuto la fortuna di allenare grandi campioni. Poi sono tornato, abbiamo iniziato un percorso diverso e ancora mi diverto, ho giocatori con meno esperienza ma molto validi. Bremer è cresciuto in personalità e in tecnica, il primo anno alla Juventus non ti rendi conto di dove sei, stiamo crescendo e sono contento. I ragazzi sono bravi sotto l’aspetto tecnico e morale”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie