lunedì, 4 Marzo 2024

Dopo la sentenza sulla Superlega la Corte di Giustizia Europea infligge un altro colpo all’Uefa

Condividi

Colpo di grazia all’Uefa? Dopo la la sentenza favorevole alla Superlega, la Corte di Giustizia europea ha deliberato anche su un ricorso effettuato dall’Antwerp (Belgio) in merito a liste e vivai.

Il tribunale di Losanna ha contestato infatti alla Uefa il metodo con cui vanno gestite le rose a livello di mercato.

“L’UEFA richiede che le squadre di calcio abbiano un numero minimo di “giocatori di formazione interna” nelle loro squadre. Anche l’associazione calcistica belga ha adottato regole simili, si legge sul portale di Sportmediaset.

In entrambi i casi, tali regole definiscono “giocatori di formazione interna” come giocatori formati a livello nazionale, anche se le regole dell’UEFA fanno riferimento anche a giocatori formati all’interno di un determinato club”.

Per quanto riguarda le regole sulla concorrenza, la Corte sostiene che le regole sui giocatori di formazione interna potrebbero avere come oggetto o effetto la limitazione della possibilità per i club di competere tra loro reclutando giocatori talentuosi, indipendentemente dal luogo in cui sono stati formati. Per quanto riguarda la libera circolazione dei lavoratori, la Corte sostiene che le regole in questione potrebbero dar luogo a discriminazione indiretta, basata sulla nazionalità, contro i giocatori provenienti da altri Stati membri”. La decisione finale sul caso, comunque, spetterà al tribunale belga.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie