mercoledì, 24 Aprile 2024

[Forbes]: “La Juve ha messo a punto un metodo innovativo per migliorare le prestazioni atletiche al rientro da lunghi infortuni”

Condividi

spot_imgspot_img

L’autorevole rivista inglese Forbes ha riportato un interessante articolo che riguarda la Juventus che sta sperimentando un metodo innovativo che sfrutta la potenza cerebrale per affrontare alcune delle sfide principali dei giocatori nel calcio moderno, tra cui il ritorno in campo dopo lunghi infortuni e il potenziamento delle prestazioni atletiche. Ecco l’articolo:

Questo approccio, che mira ad accelerare il processo di recupero degli atleti e migliorare le loro performance in campo, coinvolge zero sforzo fisico e molti giochi mentali divertenti.

“L’idea è poter giocare a un videogioco solo con la potenza del pensiero e, grazie a ciò, allenare la capacità di concentrazione, migliorando così le prestazioni sportive”, ha dichiarato Carolina Chiappero, responsabile dell’innovazione alla Juventus.

Il concetto di base di questa visione è far vivere ai giocatori di calcio azioni simili a quelle di una partita senza dover sollevare un muscolo, evitando così il rischio di infortuni muscolari.

Mentre sono seduti su una sedia e guardano la televisione o lo schermo del computer, indossano un casco pieno di fili intorno alla testa. Da quella posizione seduta, con il potere del loro cervello, controllano un avatar che riproduce i movimenti fisici che normalmente eseguirebbero durante una partita di calcio, come passaggi, tiri e salti.

In altre parole, partecipano a giochi e sessioni di allenamento di calcio virtuali impegnando esclusivamente lo sforzo mentale.

Konstantin Sonkin, il neuroscienziato israeliano dietro questo software chiamato i-BrainTech, ha sottolineato i numerosi benefici di questo approccio sugli atleti, specialmente quando sono costretti a stare lontani dal campo per periodi prolungati.

“Nel caso degli infortuni a lungo termine, spesso si verifica un calo delle abilità motorie, della coordinazione e della concentrazione dopo la riabilitazione a causa delle connessioni mente-muscolo indebolite e della degradazione delle vie neuromuscolari”, ha detto Sonkin durante l’intervista congiunta.

“Il training di i-BrainTech affronta questa sfida consentendo ai giocatori infortunati di svolgere numerose ripetizioni di esercizi specifici del calcio senza sforzo fisico. Ciò rafforza le vie neuromuscolari, preserva le abilità motorie e aumenta la fiducia per un ritorno di successo ai livelli precedenti all’infortunio.”

Sonkin ha spiegato che iBrain Tech e la Juventus si trovano attualmente nella fase di “prova di concetto”, una fase iniziale in cui il software affronta le esigenze dei giocatori infortunati della Juventus e il loro processo di recupero. Se la tecnologia raggiunge i risultati desiderati, il piano è estenderne l’applicazione alle squadre giovanili e, in seguito, utilizzare il dispositivo per scopi più ampi, come l’identificazione dei talenti del club.

Duccio Ferrari Bravo, responsabile della scienza dello sport e della ricerca e sviluppo alla Juventus, si è dimostrato entusiasta della tecnologia nonostante abbia riconosciuto che c’è ancora molto da fare.

“L’aspetto più impressionante di i-BrainTech è che si tratta di un videogioco controllato esclusivamente da impulsi cerebrali, senza alcun movimento da parte del giocatore, concentrandosi su tutto l’aspetto mentale del compito motorio mentre è molto coinvolgente per chi lo utilizza”, ha detto quando gli è stato chiesto di commentare il metodo.

Con questo progetto, la Juventus mira principalmente a dimostrare l’efficacia di iBrain Tech nel migliorare il processo di recupero dei giocatori infortunati ed elevare le loro prestazioni atletiche in campo. Sfruttare questo potenziale potrebbe plasmare il modo in cui giocatori e membri dello staff come Ferrari Bravo affrontano le sessioni di allenamento quotidiane alla Juventus.

Questa prova di concetto è nata con la necessità di validare l’efficacia di questo tipo di allenamento in termini di miglioramento delle prestazioni e del ritorno in campo”, ha aggiunto.

“Il training cognitivo è, infatti, una nuova frontiera da esplorare per migliorare le prestazioni nello sport a tutti i livelli.”

Club professionistici di calcio in Europa avevano precedentemente provato giochi mentali, compresi i giganti della Premier League inglese, il Liverpool FC. Negli Stati Uniti, diverse leghe sportive hanno investito in tecnologie di questo tipo, con il club MLS Atlanta United FC che è stato il primo a dare una chance a i-BrainTech.

Carolina Chiappero, responsabile della strategia di innovazione della Juventus dal 2022, ha spiegato che il club di Torino ha intensificato il suo coinvolgimento in questo settore nell’ultimo anno. Il suo dipartimento, ha concluso, è sempre alla ricerca di tecnologie all’avanguardia che possano migliorare il modo di fare le cose nel club di calcio italiano più prezioso e di successo.

“La Juventus ha tra i suoi principali obiettivi quello di tradurre idee innovative in valore tangibile”, ha detto Chiappero.

Nell’industria dello sport, questo significa individuare tecnologie innovative in grado di contribuire a migliorare le prestazioni dei nostri giocatori a tutti i livelli”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie