venerdì, 21 Giugno 2024

Scommessopoli, il padre di Fagioli: “I procuratori dovrebbero mettere in guardia i giovani giocatori rispetto ai rischi a cui vanno incontro”

Condividi

spot_imgspot_img

Il padre di Nicolò Fagioli, centrocampista classe 2001 della Juventus, ha parlato del momento difficile che sta vivendo il figlio, indagato nel caso scommesse.

Queste le sue parole ai microfoni de “La Repubblica”:

“Non dico niente su quello che avrebbe fatto mio figlio. Non è il momento. Molto di quello che leggo su di lui non è vero, ma se provassi a spiegarlo adesso non mi ascolterebbe nessuno. Non lo vedo da domenica. Col senno di poi, posso dire che forse qualcosa lo turbava, ma non immaginavo niente del genere.

Sarebbe utile che fossero i procuratori a mettere in guardia i giovani giocatori rispetto ai rischi a cui vanno incontro. Dovrebbero seguirli e consigliarli, sarebbe prezioso. Dovrebbero aiutarli a capire quali impegni si assumono nel momento in cui firmano un contratto. Così giustificherebbero quel che guadagnano”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie