giovedì, 23 Maggio 2024

Gravina (FIGC): “Su giustizia sportiva solo bugie e intimidazioni per scelte impopolari”

Condividi

spot_imgspot_img

Il presidente della Figc Gabriele Gravina viene accusato di quasi tutto ha deciso di vuotare il sacco su tutto a partire dalla giustizia sportiva.

Queste le sue parole ad Avvenire:

“Il 4 luglio al Maxxi di Roma la Figc presenterà il progetto “Sostenibilia” in cui promuoviamo tutti i valori dello sport sostenibile a 360 gradi: il punto di partenza per guarire il calcio malato è prendere coscienza del forte indebitamento e intervenire in maniera chirurgica e non con una semplice pastiglia”.

Essendo una crisi entropica, quella del sistema calcio non si cura solo con una terapia sotto il profilo normativo. Piuttosto serve un cambiamento di tipo culturale. Un nuovo corso di informazione e di formazione”.

E poi il passaggio sulla giustizia sportiva:

Negli ultimi tempi alcune scelte della nostra Federazione sono fonte di impopolarità, di reazioni scomposte da parte di gruppi di facinorosi che usano anche mezzi inconsueti per intimidire. Noi non ci prestiamo a nessun tipo di strumentalizzazione, tanto meno politica e puntiamo esclusivamente sulla conoscenza. Alcuni attribuiscono alla mia persona la colpa di non aver riformato la giustizia sportiva, e qui siamo sul piano della mancanza di conoscenza”.

“La giustizia sportiva della FIGC con la riforma 2019 ha inserito la perentorietà dei termini. Non solo. Ha individuato tempi molto ristretti che nel rispetto dell’esercizio del diritto di difesa consentono una definizione rapida dei giudizi. I problemi dunque non sono da ricercarsi nella giustizia federale. Anzi, forse per una volta è proprio il legislatore statale che dovrebbe guardare con più attenzione ad alcuni cardini del giudizio sportivo. E la tempestività è di certo uno di essi”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie