domenica, 16 Giugno 2024

Inchiesta Juve, cade l’accusa di fatture inesistenti per gli ex vertici Juve Agnelli Nedved e Paratici: I dettagli

Condividi

spot_imgspot_img

Tiene banco in queste ore la notizia dell‘archiviazione dell’accusa contro Agnelli-Nedved-Paratici per “emissione di fatture per operazioni inesistenti” con riguardo alle «operazioni foriere di plusvalenze fittizie» in seno alla Juventus.

La procura motiva così: «È emersa la finalità prevalentemente bilancistica e non fiscale delle operazioni di scambio contestate. Queste operazioni risultano neutre, “a somma zero”, sotto il profilo finanziario, tese solo a consentire di registrare un ricavo immediato, spalmando i costi negli anni successivi». E allora «anche ritenendo artificiali i valori contrattuali, la Juventus non ha avuto alcun concreto vantaggio fiscale da queste operazioni».

Archiviazione anche per i sindaci della società su manovra stipendi, side letter e sulla famosa carta segreta da 19 milioni di euro di Ronaldo.

Calcio e Finanza prova a riassumere quanto divulgato dall’edizione torinese de La Repubblica. «Tutto questo ambaradan non ci è mai stato comunicato. Se l’avessimo saputo, ci saremmo agitati non male. Sono scosso e arrabbiato» . Non sapevano nulla i tre ex “ sindaci” della Juventus, della manovra stipendi, delle side letter, o della famosa carta segreta da 19 milioni di euro di Ronaldo.

E poi le parole dell’ex presidente del collegio sindacale Paolo Piccatti aveva espresso il suo stupore ai pm: «Quando abbiamo letto sugli atti di questo fascicolo delle chat e delle scritture, ci siamo sorpresi e arrabbiati». Tutti e tre si erano dichiarati all’oscuro delle operazioni di asserito risparmio e conseguente restituzione degli stipendi dei calciatori: «Avessimo avuto anche solo sentore di queste cose, avremmo sicuramente approfondito» aveva spiegato Nicoletta Paracchini.

«Mai visto nulla, non siamo stati informati né del contenuto, nè di tutta l’architettura contrattuale» aveva aggiunto Paracchini a proposito delle sottoscrizioni con 17 calciatori. Manovre che «nei cda avrebbero dovuto emergere, sicuramente l’informativa dovevano darla». Sulla base di queste dichiarazioni la procura ha chiesto e ottenuto l’archiviazione per i tre ex componenti del collegio sindacale nell’ambito della giustizia ordinaria.

«Nè dai documenti in sequestro, come le mail, nè dalle intercettazioni, è emerso il minimo coinvolgimento dei sindaci nelle condotte illecite descritte con riguardo alla seconda manovra stipendi è emersa chiaramente la volontà dei dirigenti juventini di non rendere pubblico alcunché in ordine alle trattative con i giocatori», scrivono i pm.

Non vi sono elementi quindi «per addebitare al collegio il “ segmento” di falso in bilancio che deriva dalle manovre stipendi, operazioni “correttive” addebitabili all’organo amministrativo della società». Per le plusvalenze il richiamo è al revisore esterno, la Ernst & Young. La richiesta di archiviazione è però duplice. È stata fatta anche per gli ex vertici della Juve, Andrea Agnelli, Pavel Nedved, Fabio Paratici, Marco Re, Stefano Bertola e Stefano Cerrato.

Fonti: Calcio e Finanza – Repubblica Torino

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie