mercoledì, 21 Febbraio 2024

-10 Juve, Bosco: “Altro che patteggiamento! Unica strada per distruggere Gravina e Ceferin è andare a Strasburgo per bloccare il campionato e congelare lista club per le coppe”

Condividi

Andrea Bosco, giornalista di Tuttojuve, non ha dubbi:

Il problema non è se la Juventus sarà penalizzata in questo (o nel prossimo campionato) con una marea di punti superiore ai 10 comminati da Giuseppe Chinè”.

“Il problema (se la Juventus non è colpevole, se ha agito correttamente come ha sempre dichiarato) è se vuole vincere o piuttosto voglia solo dare l’impressione di cercare di “vincere“. Se la Juventus vuole davvero difendersi, e davvero vuole “vincere“ allora deve andare al Tar. Deve bloccare il campionato. Deve fare quanto non fece (mal consigliata da Luca Cordero di Montezemolo) nel 2006: andare al Tar”.

Se la Juventus non ha percezione che è impossibile vincere senza abbattere Gabriele Gravina e la sua federazione, allora meglio sarebbe accettasse le pene, compresa la serie B. E meglio sarebbe dirlo ai tifosi: la Juventus che voi amate non esiste e non esisterà più. Se Elkann e i suoi consiglieri non hanno percezione di questo, significa che vivono sulla Luna”.

Se cosi non fosse, secondo Bosco “meglio sarebbe, allora, uscire dalla Borsa, meglio sarebbe vendere ad altri il club, meglio sarebbe dichiarare il “fallimento” di un progetto che non può essere rammendato”.

Elkann che è un brillante uomo d’impresa dovrebbe saperlo: quando sei in difficoltà è indispensabile alzare il livello dello scontro: altro che “patteggiamento“. E se vuoi azzoppare Ceferin (che sta ipotizzando di escluderti per due, forse tre stagioni dall’Europa, non solo dalla Champion’s, dall’Europa tutta), sempre che non lo facciano il Tribunale di Madrid e l’Alta Corte Europea di Giustizia, alla devi rivolgerti al Tribunale dei Diritti Umani di Strasburgo, là dove la Juventus non si è mai rivolta, benché nel 2006 una relazione del celebre avvocato J.M. Dupont avesse indicato all’allora presidente Cobolli Gigli, quel “foro“ come l’unico in grado di farla uscire dalla melma di un processo farsesco celebrato in poco più di una settimana e per ammissione di uno dei giudici di quel collegio (Sandulli, chi era costui?) sull’onda del sentire popolare”.

Ma  se ancora esistono margini di recupero questi  si chiamano Tar (la cosa più temuta dal sistema, non a caso  quella parola è vietata tra i commentatori della carta stampata , quelli televisivi e quelli radiofonici) e Corte di Strasburgo.  Il Tar può bloccare il campionato. Può impedire  la ratifica della classifica. Può impedire  la consegna della medesima all’Uefa per l’iscrizione ai vari tornei. Tradotto: se vai al Tar puoi  distruggere il Palazzo. Se non ci va  troverai sempre un Petrucci ex presidente del Coni, attuale presidente della Federazione Basket che la  riforma della giustizia sportiva non la vuole”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie