domenica, 19 Maggio 2024

Juve, Brambati: “Ho sentito uno vicino al club. Mi ha detto che Pogba non l’ha chiesto Allegri. E non voleva nemmeno Di Maria ma Berardi! E su Koulbaly e Dzeko…”

Condividi

spot_imgspot_img

Massimo Brambati, ex calciatore e procuratore ha detto la sua dopo l’eliminazione della Juventus dall’Europa League.

Non è facile rifare tutto quando hai dei danni che sono stati fatti dalle gestioni precedenti che non puoi cancellare nel breve”, ha detto Brambati a TMW Radio, durante Maracanà.

“Prendo l’allenatore, a cui vanno affibbiate alcune responsabilità. Di sicuro Allegri è facilmente attaccabile perché non ha un’identità di gioco la squadra, ma quando lo faceva anche con 5 scudetti di fila non era attaccabile”.

Se non hai più i giocatori che ti permettono di vincere e sei costretto a giocare con Miretti, Fagioli, Iling-Junior, allora lo diventi. Oggi ho sentito una persona molto vicina a qualcuno che alla Juve conta tanto che mi ha riferito che Pogba non lo ha voluto l’allenatore ma è stato preso da Andrea Agnelli per una promessa fatta a Raiola”.

Che Di Maria non era espressamente voluto da Allegri, che voleva invece Berardi. Allegri non voleva vendere De Ligt ma la Juve gli ha detto che con un bilancio che piangeva l’olandese andava sacrificato”.

“Poi sono andati a cercare Koulibaly, che era quello che voleva Allegri. Lui ha risposto picche, si sono trovati spiazzati e Cairo ha fatto lievitare il prezzo di Bremer. Questo è lo scenario dell’estate scorsa”.

“E a questo si aggiunge il fatto che Dzeko non era stato preso l’anno prima. Sicuramente Allegri ha le sue responsabilità, se si voleva il gioco non si doveva scegliere lui. Se hai scelto lui, devi dargli i giocatori che vuole. Se gli prendi giocatori che o non sono disponibili o lo sono a metà…”.

So che Vlahovic è cercato da tre big come Chelsea, Bayern Monaco e Atletico Madrid e per quello che mi dicono sarà sacrificato in estate. Mi dicono che quest’anno è stato un anno di sofferenza, perché difficilmente ha giocato senza il dolore che gli veniva dalla pubalgia. Credo che la Juventus proprietà abbia stretto i cordoni della borsa e vedremo quanto perderà senza la partecipazione alle coppe. Sono stati fatti danni dal punto di vista gestionale e dell’incompetenza. Dopo Paratici non dovevano mettere nè Cherubini nè Arrivabene”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie