martedì, 27 Febbraio 2024

Manovre stipendi, e partnership sospette, non è coinvolta solamente la Juventus: ecco tutti gli agenti e i club coinvolti

Condividi

Nel filone di indagini che riguarda le manovre stipendi, i rapporti con gli agenti e le partnership sospette, non è coinvolta solamente la Juventus.

È quanto riferisce tra le sue colonne Calcio e Finanza: “Nelle memorie difensive che il club bianconero presenterà entro la fine della settimana sono infatti nominati gli ex o attuali dirigenti della Juve, altri sei club e 12 operatori di mercato, spiega il portale economico-sportivo.

Il secondo filone interessa dunque il club bianconero e otto suoi tesserati: l’ex presidente Andrea Agnelli, l’ex vicepresidente Pavel Nedved, l’ex direttore sportivo Fabio Paratici, quello attuale Fabio Cherubini, il responsabile delle questioni legali Cesare Gabasio, il direttore sportivo della NextGen Giovanni Manna, il responsabile della gestione organizzativa del settore giovanile Paolo Morganti e il responsabile del calcio femminile Stefano Braghin.

Ma guardando agli altri club protagonisti delle cosiddette partnership sospette, – si legge sempre su C&F – ci sono Atalanta, Bologna, Cagliari, Sampdoria, Sassuolo e Udinese. Queste sei società non sono ancora state raggiunte dalla notifica di chiusura delle indagini, ma sono state ovviamente coinvolte in molte operazioni importanti finite sotto la lente delle indagini”.

Infine, il capitolo dedicato agli agenti e ai rapporti del club bianconero con i rappresentanti dei calciatori. Si tratta di 12 procuratori:

Luca Ariatti
Michele Fioravanti
Giuseppe Galli
Gabriele Giuffrida
Davide Lippi
Vincenzo Morabito
Silvio Pagliari
Giorgio Parretti
Luca Puccinelli
Antonio Rebesco
Tullio Tinti
Mino Raiola (scomparso il 30 aprile 2022)

Agenti e società sono esclusi da questo procedimento. Per quanto riguarda i club, il Procuratore è in attesa di ricevere eventuali atti dalle Procure locali, mentre sul fronte dei procuratori, le carte che li riguardano sono state inviate alla commissione agenti della FIGC”.

FONTE: CALCIO E FINANZA

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie