martedì, 27 Febbraio 2024

Scudetto 2018/2019: respinto il ricorso al CONI per revocarlo alla Juve e assegnarlo al Napoli

Condividi

Il Collegio di Garanzia del CONI ha respinto la richiesta avanzata dall’avvocato Lubrano per riassegnare al Napoli lo Scudetto 2018/2019 vinto dalla Juventus.

Il titolo dunque non sarà revocato alla Juve e quindi non verrà assegnato al Napoli.

Ecco la nota dei legali in merito al rigetto del ricorso:

In qualità di difensori del Codacons e dell’Associazione Tifosi Napoli Maradona, nel giudizio innanzi al Collegio di Garanzia dello Sport proposto dalla Società Juventus FC: Prendono atto della decisione assunta in data odierna dal Collegio di Garanzia dello Sport, che ha ritenuto non ammissibile l’intervento ad opponendum presentato per il Codacons e per la Associazione Tifosi del Napoli nel ricorso proposto dalla Società Juventus;

Ritengono tale decisione del tutto erronea dal punto di vista giuridico, alla luce dei principi sanciti dalla giurisprudenza della Cassazione (n. 17351/2017), dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (n. 6/2020) e dallo stesso Collegio di Garanzia dello Sport (nn. 68/2022 e 73/2022), espressione dei principi del giusto processo, sanciti dall’Ordinamento Europeo, Statale ed anche Sportivo;

Si riservano l’impugnazione della relativa decisione assunta dal Collegio di Garanzia dello Sport innanzi al TAR Lazio, ai sensi della legge n. 280/2003 e degli artt. 119, 133 e 135 CPA, non appena saranno rese note le motivazioni;

Ribadiscono che l’obiettivo finale dell’azione assunta dagli stessi con il parallelo ricorso depositato al TAR Lazio in data 31 marzo 2023, consiste nell’ottenere la revoca dello Scudetto 2018-2019 alla Juventus e la sua assegnazione al Napoli (giunto secondo in classifica), alla luce dell’avvenuto accertamento del fatto che, con il sistema-plusvalenze, la Juventus ha alterato la regolarità del Campionato 2018-2019, come correttamente indicato nella decisione della Corte Federale di Appello della FIGC 30 gennaio 2023 (cfr. pag. 34 della stessa)”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie