sabato, 18 Maggio 2024

Calciopoli, Cellino: “Mi chiamò Berlusconi e mi chiese di candidarmi. Risposi no e il Cagliari subì 3-4 arbitraggi contro devastanti. Perdemmo 3 partite di seguito in modo vergognoso”

Condividi

spot_imgspot_img

Si susseguono i retroscena su Calciopoli che verranno diffusi integralmente nel corso della trasmissione Report su Rai 3.

E proprio nel corso dell’intervista rilasciata a Report, Massimo Cellino, presidente del Brescia Calcio, ma ai tempi di Calciopoli presidente del Cagliari, racconta un incontro segreto con Berlusconi:
Mi chiama Berlusconi e mi chiede di candidarmi (alla presidenza della Regione Sardegna, ndr). Io gli dissi che un presidente di calcio non deve fare il politico. Riprende il campionato, subito 3-4 arbitraggi contro devastanti. Perdemmo 3 partite di seguito in modo vergognoso”.

Poi Cellino prosegue: “Vado a Roma a casa di Berlusconi per parlare, presente anche il ministro Pisano. Ribadì che mi dovevo candidare… Io gli dissi che però gli arbitri mi stavano massacrando. Berlusconi guardò Pisano e disse: Ministro, chiami Carraro per dirgli che gli arbitri devono essere giusti nei confronti del Cagliari. E Franco Pisano rispose “Chiamo Moggi, che è meglio”. Berlusconi diventò bianco…”.

Un altro ricordo sull’ex dirigente della Juventus“Perdetti una partita col Milan a San Siro per un errore arbitrale. Dopo la partita salutai l’arbitro e mi disse “diglielo a Luciano…”. Poi mi sono reso conto che la vittoria del Milan portava i rossoneri al primo posto con la Juve”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie