lunedì, 20 Maggio 2024

Morto l’ex procuratore Figc Porceddu. Denunciò l’ingiustizia di Calciopoli perpetrata ai danni della Juve: “Revocare lo scudetto del 2005/2006 alla Juve e assegnarlo all’Inter fu un errore gravissimo”

Condividi

spot_imgspot_img

L’avvocato ed ex procuratore Figc Carlo Porceddu, è morto all’età di 85 anni.

Il luminare, lascia un’importante verità di Calciopoli. Le sue rivelazioni post-scandalo 2006 gettarono ulteriori ombre e sospetti su quella vicenda.

Revocare lo scudetto del 2005/2006 alla Juventus e assegnarlo all’Inter fu un errore gravissimo”, disse in un’intervista rilasciata a L’Unione Sarda nel 2017.

L’inchiesta dove si poteva fare certamente di più è Moggiopoli, tanto è vero che noi come Corte federale abbiamo limitato la sanzione alla Juventus non revocando un titolo di Campione d’Italia (del 2005/06 ndr) perché non c’erano elementi sufficienti, infatti quell’aspetto era stato tralasciato” – disse Porceddu.

Poi il commissario straordinario delle Federazione di quel periodo (Guido Rossi ndr) aveva nominato un gruppo di amici suoi, uno dei quali era stato anche nel consiglio di amministrazione dell’Inter, ed è stato revocato alla Juventus e assegnato all’Inter. Quello è stato un errore gravissimo a mio avviso”.

All’epoca – ricordava proprio il quotidiano sardo – la posizione dell’Inter fu archiviata per prescrizione (le intercettazioni che documentavano i rapporti tra la società nerazzurra e la classe arbitrale vennero fuori infatti dopo anni), la Juventus ha fatto causa alla Figc chiedendo 400 milioni di euro di danni e la revoca di quello scudetto assegnato per “meriti morali” agli odiati rivali.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie