lunedì, 20 Maggio 2024

Inter, lo sponsor di maglia non ha pagato un euro per la stagione 2022/23. Pronta la causa legale

Condividi

spot_imgspot_img

Digitalbits, lo sponsor di maglia dell’Inter, non ha versato un solo euro per la stagione in corso nelle casse del club nerazzurro.

Lo ha reso noto Inter Media and Communication, la società in cui confluiscono i ricavi dalle sponsorizzazioni nerazzurre, che ha diffuso il suo documento di bilancio al 31 dicembre 2022.

In particolare, secondo i dati a bilancio, la società di criptovalute ha pagato interamente i cinque milioni per l’accordo come sponsor di manica per il 2021-22 e i 100mila euro di bonus pattuiti per il raggiungimento degli ottavi di Champions League.

Non ha invece ancora saldato gli 1,6 milioni di bonus per la posizione finale nella serie A e per la vittoria della Coppa Italia 2021-22.

I dati più inquietanti riguardano però la stagione 2022-23, nella quale Digitalbits non ha pagato i 24 milioni pattuiti. La nota:

Digitalbits non ha pagato il canone base di 24 milioni di euro (di cui la prima rata da 8 milioni di euro emessa a giugno 2022, la seconda da 8 milioni di euro emessa a ottobre 2022 e l’ultima da 8 milioni di euro emessa a febbraio 2023)”. Inoltre non ha versato bonus “per un importo complessivo di 1,25 milioni di euro (di cui 1 milione di euro a ottobre 2022 e 0,25 milioni di euro a gennaio 2023)”. E infine “il partner non ha ancora presentato il progetto, previsto contrattualmente, relativo all’integrazione dell’ecosistema digitale di Gruppo, appena rinnovato dal nostro club”.

Comprendiamo che la crisi nel settore delle criptovalute, peggiorata durante il secondo trimestre dell’anno 2022, ha influito in modo significativo sulla capacità del cliente di adempiere ai propri obblighi. Ci riserviamo tutte le azioni e i rimedi a tutela dei nostri interessi e diritti contrattuali e, nel frattempo, abbiamo rimosso i loghi del partner dal nostro sito web, cartelloni pubblicitari e maglie delle squadre del settore giovanile e femminile, mantenendo, al momento, la presenza dello sponsor sulla maglia della prima squadra”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie