sabato, 15 Giugno 2024

Sentenza Plusvalenze, Santoro – ex Pres. Corte Federale Figc: “Tolti 15 punti alla Juve in modo da toglierla dalla Champions. Abnormità giuridica, mi auguro che Juve vinca al CONI”

Condividi

spot_imgspot_img

Dopo le parole shock del pm Santoriello -tifoso del Napoli ma che indaga sulla Juve – la redazione di TuttoJuve ha contattato telefonicamente, l’Avvocato cassazionista ed ex presidente della Corte Federale della Figc, il professor Sergio Santoro.

Ecco che cosa ha detto a proposito del video girato quattro anni in cui Ciro Santoriello, uno dei pm che indagano sull’indagine Prisma, afferma di “odiare la Juventus” e di essere “antijuventino come pubblico ministero” :

Chiunque faccia il magistrato, io l’ho fatto per 47 anni, deve separare le proprie opinioni personali, i sentimenti, e l’ideologia dall’attività giudiziaria. Altrimenti il cittadino, purtroppo, è la vittima di questi atteggiamenti che sono deviati”.

Il professor Sergio Santoro precisa che “però qui non c’è la contestualità della dichiarazione, in quanto non è attuale ma risalente a quattro anni fa. A discolpa dell’ex collega, c’è da aggiungere che non esiste un obbligo di astensione del pubblico ministero. Il pm non ha i doveri di astensione che invece deve possedere un giudice del collegio giudicante o un gip”.

Personalmente circoscriverei queste dichiarazioni, perché sono risalenti e non attuali per quanto successo oggi. Poi un pm o chiunque altro ha la facoltà di essere tifoso, in quanto il tifo è un divertimento. E lo ripeto: non ha obblighi di astensione. Così chiuderei la vicenda”.

Dunque a proposito delle del suo ex collega Santoriello, Santoro ritiene che “non sono gravi e inaccettabili. Non ne farei un dramma”.

Piuttosto c’è un’altra parte drammatica, di cui bisogna parlare. Mi riferisco ovviamente alla Giustizia Sportiva. Il pm, quando si trova in presenza di una ‘notitia crimins’, ovvero le telefonate e il famoso libro nero di Paratici, ha il dovere e l’obbligo di procedere”.

E’ un sospetto, niente di più. Quello che trovo grave non è tanto l’inizio del procedimento, bensì che nel bel mezzo dello sviluppo siano stati tolti 15 punti alla Juventus in modo da toglierla dalla Champions e dalla lotta per il campionato. Non c’è sentenza, accertamento, una pronuncia definitiva o anche parziale di queste cosiddette plusvalenze, per cui come puoi riuscirci con questo escamotage? E’ una abnormità giuridica, perché quei punti sono stati conquistati sul campo”.

“Ormai, lo dico da libero cittadino, sembra sempre più che le sentenze vertano sul tifo e non sull’oggettività”.

Da tifoso laziale mi potrebbe far piacere che la Juventus non sia più in lotta per la Champions, ma come membro della magistratura e avvezzo a giudicare questa è una abnormità bella e buona”.

La Juventus, dunque, potrebbe avere delle speranze nel prossimo grado di giudizio?

“Il Coni è il giudice della legittimità, questa vicenda si chiuderà se verrà annullata la sentenza. La Procura, tengo a precisare, è endofederale e in caso di questo esito non si può spingere ad impugnare questa sentenza. Se invece dovesse avere esito negativo, la Juve avrà tutto l’interesse per proseguire sulla strada del ricorso. Sono tanti gradi di giudizio, perché poi c’è il Tar e il Consiglio di Stato”.

Infine il giudizio del luminare sulla Procura Federale?

La Procura Federale, come la Procura di Torino, ha fatto il suo mestiere. Per sollevare un’accusa, viene sollevato il dubbio della falsità dei bilanci che inevitabilmente incide sulla lealtà sportiva e su tutti gli altri principi dell’ordinamento sportivo. E’ giusto sollevare il problema, non lo è definirla una vicenda di merito. E’ una questione di puro diritto. E’ sbagliato prendersela con la singola persona, bisogna guardare gli atti. Da ex membro della Corte Federale, la sentenza emessa è sbagliata. Mi auspico che la Juventus possa vincere al Coni”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie