spot_img
spot_img
martedì, 31 Gennaio 2023

Braida: “Juve come il Real Madrid. Mai dubitato sulla rimonta dei bianconeri”

Condividi

Ariedo Braida, grande intenditore di calcio e oggi consulente della Cremonese, ha parlato ai microfoni di Tuttosport a due giorni dalla ripresa del campionato di Serie A.

“La Juventus è sempre la Juventus, non scherziamo: per mentalità della società e per qualità della rosa. È un club che colloco alla stregua del Real Madrid: ha il dovere di vincere sempre, non conosce altra strada”.

Braida non ha mai avuto dubbi sulla rimonta dei bianconeri in campionato: “Conosco praticamente tutti i giocatori in organico, conosco la forza della società, conosco le qualità di Allegri: non dubitavo, sinceramente, che sarebbe tornata a dire la sua nelle zone nobili della classifica”.

Mercoledì c’è Cremonese-Juventus: “Mi rifugio nelle parole di Nereo Rocco, che ricordava sempre come le partite inizino tutte dallo 0-0. E che la sera, al pub, a chi lo stuzzicava con un “Vinca il migliore” alla vigilia di una gara in cui partiva sfavorito, amava rispondere “Speremo de no!”. Battute a parte, i bianconeri stanno risalendo la classifica a grandi falcate: speriamo riprendano la loro marcia dalla partita successiva e non da mercoledì!”.

E su Allegri: “Il suo pragmatismo in questo momento è prezioso, si tratta di un tecnico che vive per il risultato. Sono affascinato da chi parla del calcio come poesia e pone l’accento sull’importanza della strada da percorrere, ma la realtà è che questo è un mondo in cui ci si ricorda soltanto di chi vince, in cui il risultato determina ogni giudizio“.

Due parole sull’ex Fagioli: “L’ho chiamato diverse volte da quando è rientrato a Torino, Nicolò è un ragazzo di grandi qualità tecniche e umane. Ha tutto per imporsi anche nella Juventus, anche se ora per lui arriva la parte difficile: trovare continuità ai massimi livelli e confermarsi. C’è chi ha le doti per ambire a un club come i bianconeri e chi no: lui indubbiamente le ha. Ora non gli resta che raggiungere il potenziale di cui dispone e che, logicamente, a 21 anni non ha ancora espresso appieno”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie